mercoledì, 21 Febbraio , 24

Beethoven e Schubert per il concerto di Alexander Lonquich

Il pianista tedesco giovedì al Teatro Sannazaro...

Il dl Superbonus è legge: il 110% è al capolinea

Miniproroga per famiglie a basso reddito e...

Lega sotto accusa per Russia Unita e Navalny, Azione prepara mozione

Ma il Carroccio ribatte: “Fase politica chiusa” Roma,...

West Nile, un caso a Lecce: virus colpisce 80enne

Dall'Italia e dal MondoWest Nile, un caso a Lecce: virus colpisce 80enne

(Adnkronos) – Malattia di West Nile, registrato un caso in provincia di Lecce nei giorni scorsi. Il paziente è un uomo di 80 anni che ha manifestato febbre elevata e sintomi neurologici che sono attualmente in fase di remissione. Lo rende noto la Asl di Lecce. La malattia è causata da un virus che riconosce come vettori uccelli e equini e viene di norma trasmessa all’uomo dalla zanzara comune. Subito dopo la diagnosi tempestiva effettuata dai sanitari dell’Unità Operativa di Malattie Infettive del Presidio Ospedaliero ‘Vito Fazzi’, e confermata dal Laboratorio di riferimento regionale dell’Università di Bari, i medici del Servizio Igiene e Sanità Pubblica del Dipartimento di Prevenzione hanno effettuato l’indagine epidemiologica e disposto, di concerto con il Comune di Lecce, il rafforzamento delle misure di contrasto alla diffusione della malattia attraverso la lotta agli insetti coinvolti nella trasmissione della stessa.  

“Anche i Servizi Veterinari della Asl – viene assicurato dall’azienda sanitaria locale – hanno attivato le iniziative di sorveglianza nei confronti degli animali riconosciuti possibili vettori ed è stata intensificata la campagna di monitoraggio nei confronti degli insetti. I Servizi Trasfusionali effettueranno specifici esami nei confronti dei donatori. La situazione allo stato è sotto controllo”, continua la Asl. “Tuttavia si invitano i cittadini a proteggersi dalle punture ed evitare che le zanzare possano riprodursi facilmente: usando repellenti e indossando pantaloni lunghi e camicie a maniche lunghe quando si è all’aperto, soprattutto all’alba e al tramonto; usando delle zanzariere alle finestre; svuotando di frequente i vasi di fiori o altri contenitori (per esempio i secchi) con acqua stagnante, cambiando spesso l’acqua nelle ciotole per gli animali, tenendo le ‘piscinette’ per i bambini in posizione verticale, quando non sono usate”.  

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles