mercoledì, 19 Giugno , 24

Nessun accordo, seduta fiume Camera fino a ok finale ad Autonomia

Protestano le opposizioni: “Vergogna, forzatura inaccettabile” Roma, 18...

Schlein in piazza con Conte Avs e Più Europa: “unità, unità”

“No a Premierato e Autonomia, non lasceremo...

Testo premierato già pronto a cambiare. Nodi sono tempi e referendum

Fdi ragiona su aperture verso l’opposizione. Dossier...

Violenza donne, Valditara: educare ragazzi a scuola a cultura del rispetto

AttualitàViolenza donne, Valditara: educare ragazzi a scuola a cultura del rispetto

E’ anche quella silenziosa che si perpetra in casa e al lavoro

Milano, 24 nov. (askanews) – “Oggi e domani la facciata del ministero dell’Istruzione e del merito sarà dipinta di rosso. Domani è infatti la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Perché abbiamo deciso di dipingere di rosso questa facciata? Perché rappresenta il sangue, rappresenta la violenza, rappresenta le umiliazioni che tante donne hanno subito e continuano a subire. Noi dobbiamo essere consapevoli che occorre difendere la dignità della persona umana, di ogni persona umana. E dobbiamo iniziare dalle scuole. Dobbiamo educare i ragazzi alla cultura del rispetto”. È quanto dichiara il ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valditara nel videomessaggio pubblicato sul sito e sui canali social del ministero, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, che viene celebrata il 25 novembre.

“Questa violenza, questa violenza contro le donne – rimarca in ministro – non è soltanto quella che va sui giornali, che ci indigna quotidianamente, non è quella che si manifesta nemmeno nelle aule dei tribunali, ma è anche quella violenza subdola, quella violenza silenziosa che in tante case, in tanti luoghi di lavoro si continua a perpetrare. E allora dobbiamo dare un segnale forte ai nostri giovani, dobbiamo educarli all’amicizia, al volersi bene, a rispettarsi, alla cultura del rispetto perché non ci sia discriminazione. Non ci sia discriminazione di genere e soprattutto si bandisca la cultura della violenza. Perché ogni atto che discrimina una donna manifesta violenza e prepotenza”. “Ripartiamo dalle scuole – conclude – per costruire una vera, grande civiltà della solidarietà, del rispetto e dell’amicizia”.

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles