domenica, 21 Luglio , 24

M.O., Netanyahu: raid in Yemen “risposta” ad attacco Houthi a Tel Aviv

Premier israeliano: Houthi “parte dell’asse del male...

Vino, Les Grands Chais de France raddoppia vendite Cremant in Italia

In primo semestre 2024 già vendute 200mila...

Carmine Padula, oltre la colonna sonora

Lunedì 22 luglio, alle ore 21,30, i...

Vino, Castello Del Terriccio partner di “Una montagna di libri”

Il 4 agosto a Cortina conversazione sul...

Vino, ok a interventi per ridurre offerta Montepulciano d’Abruzzo

AttualitàVino, ok a interventi per ridurre offerta Montepulciano d'Abruzzo

Consorzio: dalla Regione c’è via libera al piano straordinario

Milano, 27 gen. (askanews) – Su proposta del Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo, il Tavolo Verde con Regione Abruzzo, associazioni di categoria e Consorzi, ha approvato gli interventi straordinari per ridurre l’offerta di Montepulciano d’Abruzzo. Nello specifico verrà regolamentato lo stoccaggio dei vini, in modo da gestire i volumi di prodotto disponibili, con il blocage del 20% di Montepulciano d’Abruzzo Doc rivendicato nell’annata 2022. Dal provvedimento sono esclusi il vino biologico e il vino delle cantine che imbottigliano tutta la loro produzione.

Lo ha riferito in una nota, lo stesso Consorzio, che “da anni crede che sia necessario utilizzare sistemi di regolamentazione del mercato”. “Da sempre il Montepulciano d’Abruzzo soffre un ribasso dei prezzi dettato da un eccesso di produzione: da un’attenta analisi elaborata dal nostro comitato tecnico, dell’attuale andamento della Denominazione e dei possibili scenari del mondo del vino, era quindi fondamentale intervenire in questa direzione” ha spiegato il presidente del Consorzio, Alessandro Nicodemi, aggiungendo che “l’obiettivo è quello di superare con questi interventi gli squilibri tra domanda e offerta in vista della prossima vendemmia”. “Vogliamo così consolidare il valore del nostro vino – ha concluso – e il suo posizionamento, a beneficio dei produttori e di tutto il territorio”.

Il Consorzio ha precisato che questo obiettivo sarà perseguito grazie al via libera dato dalla Regione, con gli strumenti previsti dall’articolo 39 (comma 4) del Testo unico della vite e del vino Legge 238 del 12/12/2016, “Disciplina organica della coltivazione della vite e della produzione e del commercio del vino”. La proposta di richiesta di attivazione alla Regione era stata approvata dall’assemblea del Consorzio il 4 gennaio scorso.

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles