sabato, 22 Giugno , 24

Lecce, scontro su Emiliano, per destre non ha rispettato silenzio

Poli Bortone: domani in Procura. Pd: deriva...

Caporalato, Schlein: presto proposta per riscrivere Bossi-Fini

“Causa precarietà sfruttamento e ricattabilità sulla pelle...

Caporalato, Mattarella: eliminare sfruttamento crudele e illegale

“Omesso soccorso a Satnam estraneo ai valori...

Mattarella: guerre hanno responsabile inizio, ma vittime uguali

“Meritano aiuto, cura, solidarietà, vicinanza umana” Solferino(Mn), 22...

“Un futuro da ricordare”, il nuovo libro del magistrato Mirabella

Attualità"Un futuro da ricordare", il nuovo libro del magistrato Mirabella

Un hot case, un romanzo giallo intrigante e affascinante

Roma, 2 dic. (askanews) – Il magistrato catanese Santino Mirabella presenta “Un Futuro da ricordare”: il suo primo romanzo-giallo, un “hot case” edito da Europa edizioni, in cui un fatto accaduto in un tempo molto lontano, allunga le sue ombre nel presente affinché si “chiudano i conti una volta per tutte”.

Scrive nella prefazione Riccardo Landini: “Colpisce e va rimarcata la scrittura dell’autore, così ricca, così policroma e raffinata; si potrebbe dire come da consolidata tradizione siciliana. Non è così scontato imbattersi in un romanzo in cui la lingua italiana sia ampiamente variegata e venga utilizzata con amorosa sollecitudine e profondità di conoscenza”.

Un uomo anziano viene trovato a terra semincosciente da un Metronotte. Farnetica frasi senza senso, parla di un delitto e di un colpevole innocente. Nino, questo il nome dell’anziano, diventa da quel momento “un caso” per la guardia giurata, ex poliziotto, che l’ha salvato e che inizia a indagare sul suo passato. Parallelamente anche Olga, una studentessa di medicina che assiste Nino come volontaria, comincia a fare delle ricerche colpita da alcune foto ritrovate a casa dell’anziano amico. Le due indagini scorrono parallele svelando al lettore un caso intricato e pieno di colpi di scena iniziato molti decenni prima ma che ancora deve essere risolto.

I personaggi poi si muovono nel romanzo simili a ombre dolenti, ritratti scolpiti da un destino che con nessuno di loro è stato e sarà clemente, eppure risultano così vividi, affamati, quasi disperati nella ricerca di un significato all’esistenza stessa. I due protagonisti, l’anziano Nino e Gregorio la guardia giurata, nella perfetta orchestrazione del destino, si incontrano casualmente, sconvolgendo l’uno la vita dell’altro, pur senza scambiarsi che poche parole, pochi sguardi e tanto di quel silenzio che, alla fine risulta insopportabile da portarsi sulle spalle.

Questo libro è “il primo vero romanzo giallo della mia carriera letteraria – afferma l’autore – un hot case ispirato dal titolo e dalla volontà di scrivere una storia raccontata da due punti di vista, una donna e un uomo. Dopo 50 pagine, io e la mia amica con cui stavo scrivendo ci siamo divisi per incompatibilità creativa: io proseguivo a braccio, lei voleva pianificare ogni minimo particolare. E così la parte femminile la ho riscritta e proseguita io. Credo che alla fine tutto combaci, ma occorre anche il lettore, protagonista lui stesso della ricostruzione della trama”.

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles