lunedì, 22 Luglio , 24

Joe Biden si è ritirato dalla corsa presidenziale

Endorsement a Kamala HarrisRoma, 21 lug. (askanews)...

Biennale Danza, consegnati i Leoni e Caprioli e Harrell

La cerimonia nella sede di Ca’ Giustinian Venezia,...

Due identificati per l’aggressione a Joly, Piantedosi: grato alla Questura

“La loro posizione al vaglio dell’Autorità Giudiziaria” Roma,...

Allerta gialla in 10 Regioni per piogge e temporali al Sud

Nel corso della giornata di lunedì. Allerta...

Ue: nuovo quadro temporaneo su aiuti Stato per transizione green

AttualitàUe: nuovo quadro temporaneo su aiuti Stato per transizione green

Ampliato a tutte le tecnologie, via obbligo gara su alcuni settori

Roma, 1 feb. (askanews) – La Commissione europea ha presentato i punti chiave di un nuovo quadro temporaneo di esenzioni sulle regole agli aiuti di Stato, (Temporary Crisis and Transition Framework o Tctf) stavolta creato per favorire la transizione digitale e verde. Agisce su diversi piani, secondo i documenti presentati dalla presidente della dell’esecutivo Ue Ursula Von der Leyen con una conferenza stampa.

Primo, la semplificazione degli aiuti al dispiegamento di energie rinnovabili, che prevede l’estensione delle esenzioni già esistenti a tutte le tecnologie di questo tipo, all’idrogeno e ai sistemi di stoccaggio di biocarburanti; l’eliminazione dell’obbligo di gara per le tecnologie meno sviluppate meno diffuse e l’estensione dei termini entro cui i progetti già in atto dovranno essere completati.

Il secondo asse di intervento riguarda la semplificazione degli aiuti per i processi industriali di de-carbonizzazione, consentendo supporto anche qui all’uso di idrogeno, efficienza energetica e di elettrificazione, assieme a maggiore flessibilità Sui limiti agli aiuti di Stato.

Il terzo asse di intervento riguarda un miglioramento del supporto agli schemi di investimento per la produzione di tecnologie strategiche a zero emissioni nette, tra cui la possibilità di poter erogare maggiori aiuti per pareggiare i sostegni pubblici che sono stati ricevuti da progetti analoghi situati fuori dall’Ue. Il quarto asse riguarda le catene di approvvigionamenti in cui gli aiuti vengono consentiti per Con per colmare le penurie sulle forniture.

Altro punto di rilievo, un quinto ambito di azione, è che nell’intervento verrà aumentata in maniera rilevante la soglia limite oltre la quale gli Stati sono tenuti a notificare all’Antitrust europeo i loro interventi pubblici: questi requisiti allargati andranno a beneficio di idrogeno, sistemi di cattura e stoccaggio del carbonio, veicoli a zero emissioni, efficientamento energetico degli edifici ma anche a programmi di formazione legati a queste materie.

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles