mercoledì, 21 Febbraio , 24

Cina, regolatore finanziario: aumentare trasparenza per investimenti

Pechino cerca di tamponare la perdita di...

Giappone, export cresciuto grazie a spedizioni in Cina

Ma le importazioni sono in calo Roma, 21...

Beethoven e Schubert per il concerto di Alexander Lonquich

Il pianista tedesco giovedì al Teatro Sannazaro...

Il dl Superbonus è legge: il 110% è al capolinea

Miniproroga per famiglie a basso reddito e...

##Ucraina, piazza milanese evoca Resistenza e ‘scippa’ Bella ciao

Attualità##Ucraina, piazza milanese evoca Resistenza e 'scippa' Bella ciao

Calenda: da ipocriti chiedere pace e non volere mandare armi
Milano, 5 nov. (askanews) – Sono circa cinquemila, secondo gli organizzatori, le persone che si sono radunate a Milano sotto l’Arco della pace a Milano per manifestare il proprio sostegno all’Ucraina. Una mobilitazione, convocata dal terzo polo ma accolta anche da esponenti del Pd e di +Europa, durante la quale il leader di Azione, Carlo Calenda, ha sottolineato il paragone tra la resistenza dei soldati di Kiev e quella dei partigiani italiani durante la Liberazione dal nazi-fascismo. “Sono sconcertato, sorpreso, da come un pezzo del mondo che canta ‘Bella ciao’ si dimentica che quella si chiamava resistenza, non resa” ha detto Calenda nel suo intervento, di circa 20 minuti, dal palco milanese, prima di chiudere cantando il brano simbolo della lotta partigiana. “Non bisogna essere ipocriti. Anche noi chiediamo la pace, ma lo puoi fare votando contemporaneamente per non mandare armi all’Ucraina? No, stai chiedendo la resa, esattamente quello che Putin vuole. È triste che è una parte della sinistra se lo sia dimenticato perché la storia della sinistra e fondata sulla Liberazione, la difesa della libertà e la libertà è sempre con la pace” ha aggiunto. “Mi dispiace che Enrico Letta non sia qui” e mentre alla manifestazione per la pace di Roma è stato contestato qui “non lo sarebbe stato” ha sottolineato parlando della scelta fatta dal segretario del Pd di partecipare alla manifestazione romana. “Qua c’è metà del Pd lombardo; nessuno avrebbe contestato Enrico Letta perché se c’è una cosa che va riconosciuta a Enrico Letta è la totale linearità sulla questione ucraina. E quindi qui non sarebbe stato fischiato, ma solo applaudito” ha continuato. Il paragone con la guerra di Liberazione italiana è stato accolto, tra gli altri, anche dall’ex vice presidente della Regione Lombardia, Letizia Moratti, che dal palco ha citato il padre, il partigiano liberale Paolo Brichetto. “Ho scelto di essere qua perché ci sono momenti in cui bisogna decidere da che parte stare e chi sostenere” ha detto l’ex sindaco di Milano, disponibile a candidarsi alla presidenza della Lombardia nel 2023. Una candidatura che per il leader di Iv Matteo Renzi, che non ha parlato dal palco, sarebbe “molto interessante”. continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles