domenica, 25 Febbraio , 24

Osimhen non basta, il Napoli a Cagliari fa 1-1

Il nigeriano segna al 66′. Pareggio beffa...

Musica Classica: Gianandrea Noseda torna nella sua Milano, alla Scala

Con National Symphony Orchestra, programma strepitoso e...

Ucraina, Zelensky: proposta di pace alla Russia prima della conferenza in Svizzera (a primavera)

Presidente ucraino “certo” degli aiuti statunitensi Roma, 25...

Xiaomi lancia a Barcellona la nuova serie di smartphone Xiaomi 14

Comparto fotografico di livello professionale con obiettivi...

Tg Politico Parlamentare, edizione del 16 settembre 2022

PoliticaTg Politico Parlamentare, edizione del 16 settembre 2022

NUBIFRAGIO NELLE MARCHE

È di 10 morti accertati e 3 dispersi il bilancio del nubifragio che si è abbattuto nel nord delle Marche. In poche ore è piovuto un terzo di quello che normalmente piove in un anno. “Un quantitativo di acqua che si è riversato sui territori in maniera repentina portando scompiglio e morte”, ha detto il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. Centinaia sono gli sfollati e incalcolabili al momento i danni materiali. Più di 150 gli interventi dei Vigili del fuoco. Il premier Mario Draghi presiederà nei territori colpiti riunioni operative con il coordinamento dei soccorsi e con le autorità locali.

150 EURO AI REDDITI SOTTO I 20 MILA EURO

Arriva il bonus da 150 euro per i dipendenti, i pensionati e i lavoratori autonomi con un reddito inferiore ai 20 mila euro. Una platea che interesserà 22 milioni di persone. Il governo ha approvato il terzo decreto aiuti per contrastare la crisi energetica e ha deciso di concentrare le risorse sulle famiglie più povere e sulle imprese. Per le aziende, il credito di imposta contro il caro bollette sale al 40% e viene esteso anche ai negozi dei commercianti e alle piccole imprese. Il taglio delle accise di benzina e gasolio verrà prorogato fino alla fine di novembre. Previsti poi nuovi fondi per la sanità, i trasporti e la scuola. Nel provvedimento anche una stretta anti delocalizzazioni – con l’incremento delle multe per i datori di lavoro che spostano l’attività all’estero. E il via libera al alla mappatura dei balneari. Una misura che ha visto la contrarietà della Lega e del ministro del Turismo Massimo Garavaglia che ha minacciato le dimissioni.

DRAGHI: “NON SONO DISPONIBILE A UN SECONDO MANDATO”

Non ci sono candidati e partiti italiani tra i destinatari dei fondi russi. A metterlo in chiaro è il presidente del consiglio Mario Draghi, che da’ conto di una conversazione in merito con il segretario di Stato Usa Blinken. Draghi in conferenza stampa ha sottolineato che la democrazia italiana è forte e che non si farà battere da nemici esterni o dai loro pupazzi prezzolati. Il presidente del consiglio è tornato anche sul suo futuro chiarendo di non essere disponibile a un secondo mandato a palazzo Chigi.

SPIAGGE, LA LEGA SI OPPONE ALLA MAPPATURA

La Lega ha votato contro il decreto presentato in Consiglio dei ministri per avviare la mappatura delle concessioni balneari. Il ministro del Turismo Massimo Garavaglia spiega che sarebbe stato scorretto votare un provvedimento del genere a pochi giorni dalle elezioni. “Riteniamo – dice il ministro- che sia più corretto affidare l’esame di simili provvedimenti al nuovo Governo”. I tempi ci sarebbero visto che il termine per approvare il decreto sulle mappature scadrà a febbraio 2023. Per questo il Ministero del Turismo fa sapere che non darà l’assenso ad altri decreti in materia che prevedono per norma la firma del dicastero.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Tg Politico Parlamentare, edizione del 16 settembre 2022 proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles