mercoledì, 17 Aprile , 24

G7, al via a Capri la riunione dei ministri degli Esteri

Tajani: ha il compito di lavorare per...

Spallanzani, il laboratorio di Virologia “riferimento europeo”

Il riconoscimento dalla Commissione UeMilano, 17 apr....

Tg Politico Parlamentare, edizione del 14 novembre

PoliticaTg Politico Parlamentare, edizione del 14 novembre

MIGRANTI, È SCONTRO SULLE ONG CON L’EUROPA
Dopo lo strappo della Francia sul ricollocamento dei migranti in Europa, si avvertono i premi segnali di distensione con l’Italia, grazie al colloquio telefonico che ha visto protagonisti il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e l’omologo francese, Emmanuel Macron. Un dialogo in cui entrambi hanno condiviso la necessità che vengano poste le condizioni di piena collaborazione in ogni settore, sia in ambito bilaterale che in ambito comunitario. Sulla questione migratoria la Commissione europea fa sapere che “c’è un obbligo chiaro di salvare vite in mare senza distinzione fra navi gestite da ong e altri tipi di imbarcazioni. Qualsiasi barca è tenuta ad intervenire per salvare le persone che si trovano in pericolo in mare, indipendentemente dalle circostanze�. Il ministro della Difesa Guido Crosetto attacca le navi delle ong che definisce “centri sociali galleggianti“, ribadendo che “la questione migranti deve diventare europea“.
CINA-USA, NON CI SARÀ UNA NUOVA GUERRA FREDDA
Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e quello della Cina Xi Jinping si sono incontrati di persona al G20 di Bali. I due leader hanno parlato di Ucraina, Taiwan e Corea del Nord. Tre ore di colloquio, durante i quali Biden ha detto che “non ci sarà una nuova guerra fredda”. Il presidente Xi ha assicurato che Pechino “non ha alcuna intenzione di sfidare” gli Stati Uniti, perché “il mondo è abbastanza grande perché due paesi possano svilupparsi e prosperare assieme”. Gli Stati Uniti continueranno dunque la propria concorrenza a Pechino e lo stesso farà la Cina. Ma questo non comportera’ un conflitto, che “sarebbe a somma zero”.
PENSIONI. MAXI RIVALUTAZIONE IN ARRIVO DA GENNAIO
Buone notizie per i pensionati che, dal prossimo anno, riceveranno un consistente aumento. La decisione assunta dal governo Draghi di rivalutare gli assegni è stata confermata dal nuovo ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti che ha dato il via libera qualche giorno fa all’aumento del 7,3% a partire dal 1 gennaio 2023, per assorbire l’aumento dell’inflazione. La crescita delle pensioni va da un minimo di 39 al netto dell’Irpef per gli assegni da 525 euro, a un massimo di 171 euro per le pensioni piu’ alte. Secondo un un calcolo pubblicato dallo Spi Cgil chi ora prende 2.838 avrà un aumento di 171 arrivando a 3.009.
PAPA FRANCESCO: SCEGLIERE TRA CONSUMO E CURA
Oggi, in un mondo globalizzato e interconnesso, appare ancora più evidente il confronto tra due culture: la cultura del consumismo e dello scarto da una parte e la cultura della cura, dall’altra. A dirlo Papa Francesco, ricevendo in udienza i membri della Rete di Farmacisti ‘Apoteca Natura’. “Si impone una scelta – dice il Pontefice – perché il grido della terra e il grido dei poveri chiedono responsabilità“. Per Francesco, “la cultura del consumismo e dello scarto è molto pervasiva e condiziona molti nostri comportamenti quotidiani”.Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

L’articolo Tg Politico Parlamentare, edizione del 14 novembre proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles