mercoledì, 17 Aprile , 24

Vino, assegnato a Vinitaly il 51esimo “Premio Angelo Betti”

Tra i Benemeriti della vitivinicoltura c’è anche...

Forza Italia frena sull’Autonomia, tensione con la Lega

Pioggia di emendamenti in Commissione alla Camera....

Ponte Stretto,Schlein a Salvini:anche Pichetto è nemico Italia?

Ministero dice quello che abbiamo denunciato noi...

Salvini: “Stare con Draghi ci ha penalizzato”. E arrivano le richieste di dimissioni

PoliticaSalvini: “Stare con Draghi ci ha penalizzato”. E arrivano le richieste di dimissioni

Di Maria Carmela Fiumanò e Marco Sacchetti

ROMA – “Oggi è una bella giornata perché abbiamo cinque anni di stabilità davanti”. Il segretario della Lega Matteo Salvini, in conferenza stampa nella sede di via Bellerio a Milano, si dice contento dei risultati delle elezioni politiche. Anche se la Lega crolla, conquistando meno del 9% dei voti e precipitando nei consensi anche nel suo Veneto. Il leader del Carroccio fa i complimenti a Giorgia Meloni, vera vincitrice delle elezioni, ammette di essere andato a dormire “incazzato” ma di essere già carico per ripartire. E prenota già i posti per il suo partito nel governo che verrà: “Daremo la lista migliore possibile dei ministri della Lega”, ma il Carroccio “sulla sicurezza” ha sempre avuto un ruolo, ricorda Salvini. Ma in casa Lega le acque sono agitate: il deputato Paolo Grimoldi chiede le dimissioni del segretario.

SALVINI: “STARE CON DRAGHI CI HA PENALIZZATO”

“Stare al Governo con Draghi è stato faticoso e impegnativo, ci ha elettoralmente penalizzato”, dichiara Salvini in conferenza stampa. Il segretario leghista ricorda: “Su richiesta di buona parte dei dirigenti” della Lega “siamo entrati al Governo Draghi, dicevano ‘Ci danno l’Autonomia’”. E rivendica la decisione di lasciare l’esecutivo: “Nel momento dell’uscita dal governo Draghi ho fatto di testa mia perché altri nove mesi di Governo Draghi avrebbero fatto male all’Italia sicuramente, ma anche alla Lega”.

Per Salvini, “Fratelli d’Italia è stata brava a fare opposizione e se dove governiamo ha preso il doppio dei voti vuol dire che è stata brava a fare opposizione. Politicamente parlando – ribadisce – mi pare che sia stata premiata l’opposizione, FdI è stata brava a fare una forte opposizione”.

SALVINI: “IERI INCAZZATO, OGGI CARICO A MOLLA”

Salvini passa poi ad analizzare gli esiti del voto: “Se gli italiani hanno premiato questa volta altri e meno noi vuol dire che era giusto così, vuol dire che faremo le valutazioni su cosa poteva essere fatto meglio. Ma se ieri sono andato a letto incazzato, oggi mi sono alzato carico a molla: ho il doppio della grinta ed energia. Guardo il lato positivo”.

LA NUOVA QUOTA 100 DI SALVINI

E per la Lega, spiega il segretario federale, il lato positivo è il seguente: “Abbiamo tutti i numeri regione per regione anche se non definitivi degli eletti. Puntiamo a quota 100 non solo in chiave pensionistica ma come eletti: potrebbero essere 100 tondi i parlamentari Lega al lavoro da domani, quindi il secondo gruppo del centrodestra e ce la giochiamo con il Pd come secondo gruppo in generale”. Quindi ecco la stoccata ai dem: “Lo dico a Letta: meglio avere il 9% con 100 parlamentari al Governo che il 18% ma con 100 parlamentari all’opposizione”, graffia Salvini.

SALVINI: “MAGGIORANZA CHIARA, BRAVA MELONI”

Il leader della Lega prosegue: “Oggi dopo tanti anni, abbiamo un Governo scelto dai cittadini con una maggioranza chiara sia alla Camera che al Senato. Conto che per cinque anni si tiri dritti senza cambiamenti e stravolgimenti ma mettendo al centro solo cose da fare”. Da Salvini arrivano parole al miele per gli alleati: “Non sono arrabbiato o invidioso, faccio i complimenti a Giorgia (Meloni, ndr): chapeau. È stata brava, lavoreremo a lungo insieme. Complimenti anche a Forza Italia e agli amici di Noi Moderati. Ogni voto è servito a dare una maggioranza assoluta dei voti al centrodestra sia alla Camera che al Senato”.

Per questo, osserva Salvini, “conto che il centrodestra coinvolga tutti, anche Noi Moderati che non hannno raggiunto la soglia dell’1%. Questo vuol dire che quello zero virgola percento ci fa perdere parlamentari ma non vuol dire che non debbano essere coinvolti, tutti servono e abbiamo bisogno di tutti”

SALVINI: “REGIONALI? SQUADRA CHE VINCE NON SI CAMBIA”

“Ho letto analisi fantasiose, il centrodestra in Lombardia è sopra il 50%. Quindi, in ottica regionali, squadra che vince non si cambia”. Nella conferenza stampa post voto, Salvini torna a blindare la candidatura di Attilio Fontana per il 2023.

GRIMOLDI CHIEDE LE DIMISSIONI DI SALVINI

“La dignità imporrebbe dimissioni immediate”. Paolo Grimoldi, deputato e già segretario nazionale della Lega Lombarda, apre il fuoco su Matteo Salvini dopo il risultato elettorale: “Abbiamo perso in maniera disastrosa. Ora, servono subito i congressi per ricostruire il movimento. Persino i 5 Stelle ci hanno superato e siamo appaiati a Calenda e alla ‘morente’ Forza Italia – accusa Grimoldi – nonostante un’affluenza molto bassa al Sud. Un disastro assoluto”.

Grimoldi, emarginato dalle candidature sicure, era già stato critico prima delle urne, ma ora non fa sconti a Salvini: “Trovo singolare che una forza che si definisce ‘autonomista’ abbia gestito tutta la campagna elettorale – e molto altro – solo con commissari imposti dall’alto – spesso persino con nomine ad hoc in segreterie locali e a volte commissariando solo con l’arroganza, anche formale, di un sms e – cosa gravissima – in sfregio all’opinione dei militanti, senza mai aver coinvolto la base, i territori e gli amministratori locali in scelte, nomi e neppure motivazioni di un commissariamento. Troppe volte senza neppure il rispetto umano di una telefonata”.

Per l’ex segretario Grimoldi, “serve subito il congresso della gloriosa Lega Lombarda. Va ridata la voce alla base, ai sindaci e ai territori attraverso una Lombardia di rappresentanti democraticamente votati ed acclamati per meriti. La questione è politica e va affrontata. La rappresentanza dal basso sarebbe l’ABC dell’autonomia… Nelle prossime ore vi farò sapere iniziative concrete”, conclude l’esponente del Carroccio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Salvini: “Stare con Draghi ci ha penalizzato”. E arrivano le richieste di dimissioni proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles