lunedì, 22 Luglio , 24

Joe Biden si è ritirato dalla corsa presidenziale

Endorsement a Kamala HarrisRoma, 21 lug. (askanews)...

Biennale Danza, consegnati i Leoni e Caprioli e Harrell

La cerimonia nella sede di Ca’ Giustinian Venezia,...

Due identificati per l’aggressione a Joly, Piantedosi: grato alla Questura

“La loro posizione al vaglio dell’Autorità Giudiziaria” Roma,...

Allerta gialla in 10 Regioni per piogge e temporali al Sud

Nel corso della giornata di lunedì. Allerta...

Pnrr, Ue: modifiche solo se motivate da circostanze oggettive

AttualitàPnrr, Ue: modifiche solo se motivate da circostanze oggettive

Va dimostrato che non è più possibile attuare obiettivi specifici
Bruxelles, 25 ott. (askanews) – La modifica dei piani nazionali di ripresa e resilienza (Pnrr) finanziati dal Recovery Fund europeo, quando sono già stati approvati e sono in corso di attuazione, è possibile, ma secondo delle condizioni precise e rigorose previste dal regolamento Ue pertinente. Lo hanno confermato oggi a Bruxelles due portavoce della Commissione europea, rispondendo a una domanda sull’intenzione di procedere a modifiche del Pnrr italiano che la leader di Fdi Giorgia Meloni ha espresso più volte in passato, e che ha confermato in Parlamento da presidente del Consiglio. “Non siamo in grado di commentare ora queste dichiarazioni della premier italiana – ha detto il portavoce capo Eric Mamer, durante il briefing quotidiano per la stampa della Commissione -, ma possiamo spiegare come funziona il Pnrr dopo che è stato approvato dal Consiglio Ue”. L’articolo 21 del regolamento Ue sul Fondo Rrf (“Recovery and Resilience Facility”), ha aggiunto la portavoce per gli Affari economici, Veerle Nuyts, “prevede che dopo l’adozione del Piano nazionale da parte del Consiglio Ue, solo in casi eccezionali uno Stato membro può chiedere delle modifiche; ma deve dimostrare che non può più attuare in parte o interamente il piano a causa di circostanze oggettive”. “La Commissione – ha continuato la portavoce – è disponibile a discutere nel caso in cui l’attuazione di specifici traguardi intermedi od obiettivi finali (‘milestones’ e ‘targets’, ndr) non sia più conseguibile a seguito di circostanze obiettive, e sia quindi necessaria una revisione”. “Questo richiede una valutazione rigorosa, caso per caso, da parte della Commissione insieme allo Stato membro interessato, e naturalmente può avere un impatto alla fine anche sull’attuazione del Piano nazionale”, ha concluso Veerle Nuyts. continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles