mercoledì, 21 Febbraio , 24

Giappone, export cresciuto grazie a spedizioni in Cina

Ma le importazioni sono in calo Roma, 21...

Beethoven e Schubert per il concerto di Alexander Lonquich

Il pianista tedesco giovedì al Teatro Sannazaro...

Il dl Superbonus è legge: il 110% è al capolinea

Miniproroga per famiglie a basso reddito e...

Lega sotto accusa per Russia Unita e Navalny, Azione prepara mozione

Ma il Carroccio ribatte: “Fase politica chiusa” Roma,...

Pecoraro Scanio: elettrificare porti, vera Blue economy per Mare

AttualitàPecoraro Scanio: elettrificare porti, vera Blue economy per Mare

“Troppe navi sono centrali termoelettriche inquinanti”
Roma, 26 ott. (askanews) – “Il ritorno della parola ‘mare’ nella denominazione di un Ministero è importante se sarà collegata ad competenze e azioni concrete. Oltre alla lotta a plastiche e inquinamenti occorre l’elettrificazione dei porti e della mobilità a mare, una sfida importante perché molte navi sono piccole centrali termoelettriche alimentate dai peggiori carburanti. Vanno usate le migliori tecnologie di cui l’Italia è spesso leader per creare lavoro tutelando i nostri habitat. Non basta il nome del Ministero: serve una vera Blue economy per il Mare”. Lo ha dichiarato il presidente della fondazione Univerde Alfonso Pecoraro Scanio – che da ministro dell’Ambiente inserì nella denominazione del Ministero la tutela del mare e promosso la campagna “Mediterraneo da remare” – durante un convegno promosso da Enel a Gaeta. Al convegno erano presenti rappresentanti di Enel e GarbageGroup, l’assessore regionale alla transizione Ecodigital del Lazio Roberta Lombardi, la presidente del Parco regionale Riviera D’Ulisse Carmela Cassetta, autorità, esperti e imprenditori del settore. continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles