domenica, 25 Febbraio , 24

Osimhen non basta, il Napoli a Cagliari fa 1-1

Il nigeriano segna al 66′. Pareggio beffa...

Musica Classica: Gianandrea Noseda torna nella sua Milano, alla Scala

Con National Symphony Orchestra, programma strepitoso e...

Ucraina, Zelensky: proposta di pace alla Russia prima della conferenza in Svizzera (a primavera)

Presidente ucraino “certo” degli aiuti statunitensi Roma, 25...

Xiaomi lancia a Barcellona la nuova serie di smartphone Xiaomi 14

Comparto fotografico di livello professionale con obiettivi...

Papa Francesco ha ricevuto in udienza la società di produzione Tenderstories

AttualitàPapa Francesco ha ricevuto in udienza la società di produzione Tenderstories

Per film Kordon (Confine), cinema strumento per veicolare autentica cultura di pace
Roma, 21 ott. (askanews) – Papa Francesco ha ricevuto in Vaticano, in una sala riservata adiacente all’Aula Nervi, una delegazione di Tenderstories, casa di produzione cinematografica, per il film Kordon (Confine), il documentario presentato al museo Maxxi, durante la diciassettesima edizione della Festa del Cinema di Roma 2022, diretto da Alice Tomassini e prodotto da Vatican Media e Tenderstories. Kordon racconta la storia di cinque volontarie Ucraine, che si trovano in una stazione alla periferia di Zahony, e che stanno combattendo una guerra non violenta, facendo da spola tra l’Ucraina e l’Ungheria per ridare speranza a un popolo sotto attacco. Un emozionante ritratto di resistenza, coraggio e solidarietà femminile. Per l’occasione Moreno Zani, founder di Tenderstories, Malcom Pagani, amministratore delegato della società, Benedetta Cuzzeri e Attilio Lombardi del consiglio di amministrazione, Massimo Leonardelli delle Relazioni Esterne e Alice Tomassini, regista del film, insieme a Paolo Ruffini, Prefetto del Dicastero per la comunicazione della Santa Sede, hanno consegnato al Santo Padre il documentario, una lettera di ringraziamento da parte di Tenderstories e un libro contente le storie di volontariato raccontate nel lungometraggio. Le loro storie si specchiano in quelle degli oltre sette milioni di donne e bambini che sono fuggiti dalla guerra, varcando una linea tanto invisibile quanto concreta come il confine tra due Stati, lasciandosi alle spalle la propria vita. continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles