domenica, 21 Luglio , 24

M.O., Netanyahu: raid in Yemen “risposta” ad attacco Houthi a Tel Aviv

Premier israeliano: Houthi “parte dell’asse del male...

Vino, Les Grands Chais de France raddoppia vendite Cremant in Italia

In primo semestre 2024 già vendute 200mila...

Carmine Padula, oltre la colonna sonora

Lunedì 22 luglio, alle ore 21,30, i...

Vino, Castello Del Terriccio partner di “Una montagna di libri”

Il 4 agosto a Cortina conversazione sul...

Pakistan, attentato contro una moschea a Peshawar: almeno 28 morti

MondoPakistan, attentato contro una moschea a Peshawar: almeno 28 morti

ROMA – Almeno 28 persone sono rimaste uccise e circa 150 ferite a causa di un’esplosione che si è verificata durante la preghiera in una moschea situata in un distretto di uffici della polizia di Peshawar, nel nord del Pakistan, vicino al confine con l’Afghanistan. Lo hanno comunicato alla stampa fonti della polizia locale. Il commissario Riaz Mehsood ha confermato il numero delle vittime al quotidiano Dawn e ha riferito che gli ospedali della città sono stati messi in stato di emergenza, mentre proseguono le operazioni di salvataggio.

LA STRAGE DI POLIZIOTTI

Al momento dell’esplosione nella moschea si trovavano molti agenti di polizia. L’ufficiale delle forze dell’ordine della città Muhammad Ijaz Khan ha detto ai media locali che si pensa che “centinaia di poliziotti” si trovino ancora sotto le macerie. Khan ha aggiunto che “una parte del tetto” dell’edificio religioso “è crollata” e ha inoltre affermato che “è stato possibile distinguere odore di esplosivo sul luogo dell’incidente” ma che “è troppo presto per poter dire qualcosa di sostanziale” su quanto avvenuto.

IL PREMIER: “TERRORISTI VOGLIONO CREARE PAURA”

Secondo la stampa di Islamabad è impossibile poter dire se l’incidente è stato causato da un’esplosione di un ordigno o da un attacco suicida. Il primo ministro pachistano Shehbaz Sharif ha affermato che gli autori di questo attacco “non hanno niente a che vedere con l’Islam” e ha aggiunto che “terroristi vogliono creare paura colpendo coloro che svolgono il dovere di difendere il Pakistan”.

LA LUNGA SCIA DI SANGUE A PESHAWAR

Peshawar, meno di 50 chilometri dal confine afghano, circa due milioni di abitanti, è stata più volte colpita da attentati. Ultimo in ordine di tempo un attacco suicida contro una moschea sciita che lo scorso marzo ha provocato oltre 50 vittime. In Pakistan quest’anno sono previste anche le elezioni presidenziali. Il clima nel Paese è teso. Il mese scorso l’ex premier e candidato Imran Khan è rimasto ferito in un attentato durante una manifestazione.
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles