mercoledì, 17 Aprile , 24

Forza Italia frena sull’Autonomia, tensione con la Lega

Pioggia di emendamenti in Commissione alla Camera....

Vino, assegnato a Vinitaly il 51esimo “Premio Angelo Betti”

Tra i Benemeriti della vitivinicoltura c’è anche...

Ponte Stretto,Schlein a Salvini:anche Pichetto è nemico Italia?

Ministero dice quello che abbiamo denunciato noi...

“Orlando” di Daniele Vicari Fuori Concorso al Torino Film Festival

Attualità"Orlando" di Daniele Vicari Fuori Concorso al Torino Film Festival

Il film con Michele Placido uscirà nelle sale dal primo dicembre
Roma, 8 nov. (askanews) – “Orlando”, il nuovo film di Daniele Vicari, sarà presentato Fuori Concorso al Torino Film Festival e sarà poi in sala dal primo dicembre distribuito da Europictures. Il film, girato tra Bruxelles e l’Italia, ha protagonista Michele Placido nel ruolo di Orlando e Angelica Kazankova è la piccola Lyse. Li affiancano, tra gli altri, Fabrizio Rongione, Federico Pacifici, Mpunga Denis e Christelle Cornil. Quella di Orlando e Lyse è una favola, una favola moderna, dove un vecchio e una bambina, divisi tra modernità e mondo rurale, tra il dover scegliere se partire o restare, si incontrano e mutano la traiettoria delle loro vite. Il film è una co-produzione Italia-Belgio Rosamont con Rai Cinema e Tarantula Belgique, prodotto da Marica Stocchi e Joseph Rouschop. Scritto dallo stesso Daniele Vicari con Andrea Cedrola, ha la fotografia di Gherardo Gossi, la scenografia di Igor Gabriel e Beatrice Scarpato, i costumi di Francesca e Roberta Vecchi, il montaggio di Benni Atria, le musiche di Teho Teardo. “Siamo immersi in un mondo che cambia così velocemente che ci sfugge. A volte ci sfugge persino il senso stesso delle nostre esistenze. È così da sempre e oggi ancora di più – ha dichiarato il regista – per nostra fortuna ci sono persone che, restando fedeli a se stesse, ci fanno da bussola, ci aiutano a non perderci troppo. Orlando è dedicato a queste persone”. Orlando vive solo in un paese di montagna del centro Italia e non ha mai voluto emigrare, come invece hanno fatto in tanti, e come suo figlio che se ne è andato 20 anni fa a Bruxelles. Una telefonata dal Belgio lo avverte che il figlio ha bisogno d’aiuto e Orlando è costretto per la prima volta nella sua vita a partire. Quando arriva scopre di avere una nipote di 12 anni, Lyse. Orlando e Lyse, come il passato e il futuro, sono quanto di più lontano si possa immaginare, ma scopriranno inaspettatamente di avere bisogno l’uno dell’altro. Nonostante siano distanti come possono esserlo la vita rurale in un piccolo borgo dell’entroterra e quella metropolitana di una grande città europea, cercano di farcela, di cavarsela. Lui è il simbolo di un passato che non passa e lei è la generazione “Greta Tumberg”, una nuova generazione di europei che dovrà costruire un mondo nuovo del quale si intravvedono i connotati ma nessuno sa davvero cosa possa essere. continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles