giovedì, 29 Febbraio , 24

Meloni: 720 mln per Roma-Pescara, opera messa in sicurezza

Grazie al lavoro di Salvini e Fitto...

Fiat: Panda almeno fino al 2027 a Pomigliano, produzione +20%

Francois: La storia fra Panda e l’Italia...

In Puglia al via procedure calamità siccità per comparto agricolo

Incontro tra ass. regionale, delegazione agrumicoltori, Coldiretti Roma,...

Lettera 23 ass. ambientaliste a Lollobrigida su futuro agricoltura

A Tavolo politico permanente anche associazioni società...

“Non giustiziate Kenneth Smith con l’azoto”: negli Stati Uniti parte appello

Mondo“Non giustiziate Kenneth Smith con l’azoto”: negli Stati Uniti parte appello

ROMA – Mobilitazione internazionale per il caso di Kenneth Smith, un cittadino americano condannato a morte che rischia di essere ucciso in Alabama tramite asfissia da azoto.

L’uomo, giudicato colpevole di un assassinio su commissione compiuto nel 1988, doveva essere giustiziato già lo scorso anno ma la persona incaricata dell’esecuzione non era riuscita a infilargli nelle vene l’ago con l’iniezione letale. Smith era stato poi riportato in cella dopo aver trascorso più di quattro ore legato a una barella.

“DECISIONE DISUMANA”

Del suo caso si stanno occupando ora associazioni sia americane sia straniere. In Italia, a pochi giorni dalla Giornata mondiale contro la pena di morte in programma il 10 ottobre, si è mobilitata la Comunità di Sant’Egidio. “Siamo di fronte ad una decisione di inimmaginabile disumanità” ha denunciato l’organizzazione: “Una sostanza vietata anche per uccidere gli animali sarebbe usata su un essere umano, aggiungendo alla pena capitale delle enormi sofferenze“.

L’APPELLO AL GOVERNATORE DELL’ALABAMA

La Comunità ha inviato un appello al governatore dell’Alabama, Kay Ivey, sottolineando che l’iniziativa è già stata sottoscritta da migliaia di persone.

L’articolo “Non giustiziate Kenneth Smith con l’azoto”: negli Stati Uniti parte appello proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles