mercoledì, 17 Aprile , 24

Vino, assegnato a Vinitaly il 51esimo “Premio Angelo Betti”

Tra i Benemeriti della vitivinicoltura c’è anche...

Forza Italia frena sull’Autonomia, tensione con la Lega

Pioggia di emendamenti in Commissione alla Camera....

Ponte Stretto,Schlein a Salvini:anche Pichetto è nemico Italia?

Ministero dice quello che abbiamo denunciato noi...

“Nessun bonus ai deputati, spese per tablet e Pc già in bilancio”. Ecco la versione di Montecitorio

Politica“Nessun bonus ai deputati, spese per tablet e Pc già in bilancio”. Ecco la versione di Montecitorio

ROMA – Ai giorni d’oggi anche gli onorevoli sono “più smart” e devono stare al passo delle innovazioni, quindi “nessun regalo di Natale ai deputati’ ma solo “un incentivo” ad essere più digitali. Gli uffici della Camera precisano che nella delibera firmata dai tre questori che consente ai 400 eletti di Montecitorio di acquistare pc, tablet, smartphone, tv da 34 pollici e auricolari Apple, “non vi è alcun aumento di spesa né un bonus in favore dei deputati“.

“IL RIMBORSO PER ACQUISTI INFORMATICI VIENE RIMODULATO”

Fonti della presidenza spiegano che “si tratta di una rimodulazione delle dotazioni già spettanti ai deputati per la gestione delle attività di ufficio. In base alla precedente disciplina, infatti – si sottolinea – i deputati, nell’arco della legislatura, potevano chiedere un rimborso per l’acquisto di beni informatici e forniture di cancelleria per un valore pari a quello previsto dalla nuova disciplina che si limita ad aumentare la flessibilità delle dotazioni, consentendo di rafforzare la componente informatica rispetto all’utilizzo del materiale per lo più cartaceo”.

“CON LA TECNOLOGIA CAMBIA ANCHE IL MANDATO PARLAMENTARE”

La ragione di tale intervento, è la versione della Camera, “come è evidente per ciascuno di noi, risiede nei cambiamenti che interessano il modo in cui si svolgono le attività di ufficio, in generale. Ciò è ancora di più valido per l’esercizio del mandato parlamentare e delle modalità di svolgimento delle attività istituzionali, che sempre più passano attraverso i dispositivi elettronici, si pensi alla fase istruttoria in Commissione, gestita e ordinata quasi totalmente attraverso procedure digitalizzate”. In conclusione, “non vi è dunque alcun aumento del rimborso, ma si tratta esclusivamente di una rimodulazione e di un aggiornamento delle dotazione, dovuti all’innovazione tecnologica e al conseguente cambiamento delle modalità attraverso le quali viene esercitato il mandato parlamentare”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles