domenica, 21 Luglio , 24

M.O., Netanyahu: raid in Yemen “risposta” ad attacco Houthi a Tel Aviv

Premier israeliano: Houthi “parte dell’asse del male...

Vino, Les Grands Chais de France raddoppia vendite Cremant in Italia

In primo semestre 2024 già vendute 200mila...

Carmine Padula, oltre la colonna sonora

Lunedì 22 luglio, alle ore 21,30, i...

Vino, Castello Del Terriccio partner di “Una montagna di libri”

Il 4 agosto a Cortina conversazione sul...

Nel 2021 ricchezza netta delle famiglie italiane +3% a 10.442 mld

AttualitàNel 2021 ricchezza netta delle famiglie italiane +3% a 10.442 mld

Ma passività +3,8% e superano 1.000 mld. Studio Istat-Bankitalia

Roma, 27 gen. (askanews) – Nel 2021 la ricchezza netta delle famiglie italiane – misurata come somma delle attività reali (come abitazioni o terreni) e delle attività finanziarie (depositi, titoli, azioni) al netto delle passività finanziarie (prestiti) – è stata pari a 10.422 miliardi di euro, ossia 176 mila euro pro capite. Un aumento di oltre 300 miliardi a valori correnti rispetto all’anno precedente, pari ad un più 3%, proseguendo la crescita iniziata nel 2019. Lo riporta la pubblicazione “La ricchezza dei settori istituzionali in Italia: 2005-2021”, elaborata da Istat e Banca d’Italia. Al tempo stesso sono però anche aumentate le passività della famiglie, con un +3,7%, superando quota 1.000 miliardi di euro.

In rapporto al reddito lordo disponibile, la ricchezza netta delle famiglie si è invece leggermente ridotta (da 8,71 a 8,66) lo scorso anno.

Secondo lo studio, le attività reali (6.186 miliardi di euro) sono aumentate dello 0,3% a prezzi correnti (+16 miliardi), soprattutto per effetto delle abitazioni (+0,4%; +23 miliardi), il cui valore ha registrato una crescita per la prima volta dal 2012. Il valore degli immobili non residenziali si è invece ridotto (-1,5%), proseguendo la fase di contrazione in atto dal 2012.

Le attività finanziarie (5.237 miliardi) hanno segnato una crescita più robusta rispetto a quelle reali, pari al 6,6% (per un controvalore di 325 miliardi), trainata prevalentemente dalle azioni (+150 miliardi) e dalle quote di fondi comuni (+89 miliardi). E’ stata rilevante, dice ancora lo studio Istat-Bankitalia, anche la crescita dei depositi (+70 miliardi), seppure meno accentuata di quanto osservato nel 2020 (+104 miliardi).

Lo stock di titoli obbligazionari continua a calare dal 2012. Le passività finanziarie sono aumentate del 3,7%, superando la soglia dei 1.000 miliardi. Si è osservato in particolare un incremento della componente dei prestiti (+3,8%).

A differenza di quanto registrato nel 2020, la crescita della ricchezza finanziaria delle famiglie è tornata a beneficiare ampiamente dei guadagni in conto capitale (+4,3%, per un aumento complessivo di 210 miliardi), si legge, legati soprattutto alle azioni e alle quote di fondi comuni, mentre il contributo delle transazioni si è collocato attorno al 2,3%.

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles