domenica, 21 Luglio , 24

M.O., Netanyahu: raid in Yemen “risposta” ad attacco Houthi a Tel Aviv

Premier israeliano: Houthi “parte dell’asse del male...

Vino, Les Grands Chais de France raddoppia vendite Cremant in Italia

In primo semestre 2024 già vendute 200mila...

Carmine Padula, oltre la colonna sonora

Lunedì 22 luglio, alle ore 21,30, i...

Vino, Castello Del Terriccio partner di “Una montagna di libri”

Il 4 agosto a Cortina conversazione sul...

Meloni: “La libertà delle donne non è farsi chiamare capatrena”. Poi schermaglie con Soumahoro

PoliticaMeloni: “La libertà delle donne non è farsi chiamare capatrena”. Poi schermaglie con Soumahoro

ROMA – “Le donne non hanno nulla da temere e penso che in cuor loro lo sappiano”. La premier Giorgia Meloni, in Aula alla Camera per la replica prima del voto di fiducia, risponde alle opposizioni che adombrano un arretramento sui diritti.

E la leader di FdI torna anche sulla questione del genere linguistico, respingendo le polemiche per la sua decisione di chiamarsi ‘il presidente del Consiglio’ nelle comunicazioni ufficiali. “Credo che le donne si debbano giudicare per il merito, non ho mai pensato che la libertà delle donne fosse quella di farsi chiamare ‘capatrena’ ma si basi su cose più concrete”.

LEGGI ANCHE: 70 minuti di discorso e 70 applausi per Meloni. Che nel finale si commuove

IL BATTIBECCO CON SOUMAHORO

Nel corso della replica a Montecitorio, c’è anche un piccolo momento di tensione con il deputato dell’Alleanza Verdi e Sinistra Aboubakar Soumahoro, che nel suo intervento aveva ricordato alla premier che “l’Italia non ha bisogno del patriottismo egoistico che fomenta la caccia alle streghe. Lei, presidente Meloni dice di provenire dai bassifondi dell’underdog ma anche io provengo da lì. Le voglio ricordare che italiani si nasce ma anche si diventa”.

Replicando a Soumahoro, prima Meloni sbaglia il cognome del deputato e poi, rivolgendosi direttamente a lui, gli dà del tu suscitando le proteste dell’opposizione. La premier pronuncia quindi il nome in modo corretto e si scusa per avergli dato del tu.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Meloni: “La libertà delle donne non è farsi chiamare capatrena”. Poi schermaglie con Soumahoro proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles