venerdì, 19 Luglio , 24

Renzi: con Schlein, Conte e gli altri unica alternativa a Meloni

“Dichiarando chiusa la stagione dei veti e...

Meloni: Italia non dimentica via d’Amelio, lotta a mafia priorità

“Borsellino e agenti scorta faro speranza e...

Usa2024, Trump: porrò fine a ogni crisi, anche a guerra in Ucraina

“Mi basta una telefonata” Roma, 19 lug. (askanews)...

Marco Mengoni: “Vado rilassato, non voglio sentire la pressione”

AttualitàMarco Mengoni: "Vado rilassato, non voglio sentire la pressione"

Il cantautore torna al Festival dopo 10 anni con “Due vite”

Milano, 1 feb. (askanews) – Marco Mengoni partecipa alla 73esima edizione del Festival di Sanremo nel 2023 con il brano “Due vite” a 10 anni da “L’essenziale”. Dato per super favorito, Marco come il suo solito sorride, scherza e sdrammatizza: “Vado rilassato, non voglio sentire la pressione di arrivare con una corona in testa, sono contento di far parte di questo gruppo. Non voglio sia una competizione ma uno spettacolo, faccio gli auguri a chi vincerà. Sanremo deve essere lo specchio di quello che si muove nella musica, lo specchio della società. La statuetta è bella ma quello che importa è l’esperienza, quella che ho vinto comunque la tengo in studio e ogni tanto la spolvero”.

Il brano “Due vite”, scritto dallo stesso Mengoni con Davide Petrella e Davide Simonetta, è una ballad dalla struttura non classica che arriva dritta al cuore. “E’ un viaggio intimo ma anche un invito a tutti noi ad accettare tutto quello che la vita ci offre, senza pensare a cosa dovrebbe o potrebbe essere. Parla di sbagli ed errori, di come comprenderli per poi lasciarli andare. Vorrei due vite per capire gli errori fatti e fare altre scelte e per vedere che cosa succede. Tutto quello viviamo ci serve per crescere, anche i momenti di noia ci insegnano molto e ci fanno evolvere”.

Un racconto molto serrato con due livelli di lettura: un racconto onirico, ricco di immagini e figure legate all’inconscio che si mischia a scene e dettagli molto realistici, autobiografici. Due vite è infatti il primo tassello dell’ultimo capitolo della trilogia Materia, progetto che ha appena guadagnato il terzo disco di platino, la cui uscita è prevista entro la fine del 2023.

“In questi 10 anni sono cresciuto, sono più uomo è più maturo, spero di saper gestire l’emotività, senza soffocare le emozioni, mi voglio divertire, mandare messaggi e fare spettacolo. Spero di essere me stesso, a Sanremo può succedere di tutto” spiega Marco Mengoni che dice di essere molto felice che al Festival sia rappresentato tutto l’arcobaleno della musica italiana, particolare della presenza in gara di amici come Giorgia, Elodie Colapesce e Di Martino, Levante e Madame.

“Amadeus ha convinto tutti dopo il suo primo Sanremo ha saputo cogliere quello che c’era di nuovo nella musica, ma ciò che mi ha spinto a gareggiare è proprio questo pezzo perché raccontava una parte di me che non ho mai raccontato nella mia carriera. Poi mi sono chiesto tante volte perchè mi sono infilato in questo vortice ma Sanremo porta energia e tiene vivi e mi darà l’energia per affrontare gli stadi” spiega in conferenza stampa.

Nella serata di venerdì, dedicata alle cover, Marco Mengoni si esibirà sul palco del teatro Ariston con il coro internazionale The Kingdom Choir, con uno dei brani più noti e iconici dei Beatles: Let it be, una pietra miliare della storia della musica mondiale. “Let it be è un inno ad andare avanti, una canzone non canzone, è un brano che abbraccia il mondo, una sorta di preghiera, in questo abbraccio collettivo ho scelto di duettare col coro. Avrei chiesto a Paul McCartney di cantare con me, ma credo che abbia altro da fare, però mi farebbe piacere che ascoltasse la mia versione” ironizza. Ma la scelta di cantare “Let it be” chiude un po’ un cerchio artistico musicale, nel brano “Cambia un uomo”, singolo dell’album Materia (Terra) è proprio inserito il riff al piano della canzone dei Beatles.

Con questo spirito di condivisione e la voglia di prendersi e godersi il proprio tempo a Sanremo nasce Lido Mengoni: un quartiere generale, un hub creativo abitato da Marco e dal suo team e che vive durante la settimana più frenetica della musica italiana per mostrarne anche un volto diverso. Lido Mengoni, permetterà comunque a tutti di vivere la settimana di Marco, attraverso i suoi social, da un punto di vista inedito. Largo spazio all’improvvisazione in tutte le sue forme al Lido Mengoni, agli incontri con amici, colleghi, alle nuove conoscenze, approfondimenti, interviste e, perché no, come avviene in ogni lido che si rispetti largo a sfide a biliardino e schiaccia sette, e riflessioni dalla più classica delle panchine vista mare.

Marco Mengoni, dopo il successo degli stadi della scorsa estate e il tour nei palazzetti tutto sold out concluso lo scorso autunno, nell’estate 2023 porterà live la trilogia Materia insieme ai suoi più grandi successi sui palchi dei principali stadi italiani con Marco Negli Stadi 2023.

Di Alessandra Velluto

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles