martedì, 23 Aprile , 24

Malocclusione dentale, come danneggia la qualità della vità?

video newsMalocclusione dentale, come danneggia la qualità della vità?

Ne parla il Dott. Michele Annolfi

Roma, 2 apr. (askanews) – “Il mio approccio è decisamente innovativo. Curiamo i denti con una visione gnatologica”. Michele Annolfi è un odontoiatra che, a dispetto della propria giovane età, ha già un’esperienza importante: “Mi sono laureato all’Università di Chieti -ricorda- con una tesi che trattava il tema della diagnosi e della cura dei rapporti occluso-posturali. Un problema rilevante che incide pesantemente sulla qualità della vita delle persone che non riescono nemmeno a masticare”.Dopo importanti esperienze in ospedale, Annolfi ha deciso di tornare a casa: “Ho aperto -spiega- un centro dentistico nella mia San Severo che oggi conta un laboratorio, cinque poltrone, dieci dipendenti e sei collaboratori fissi. Uno studio, uno dei più grandi in provincia di Foggia, che è stato pensato per far sentire i pazienti in un ambiente familiare. Aspetto questo che incide anche sull’esito delle terapie. Terapie volte non solo a far trovare il sorriso alle persone ma anche la serenità quotidiana”.La gnatologia studia l’occlusione delle arcate dentarie che analizza le strutture muscolari che regolano mandibola e articolazioni temporo-mandibolari: “Articolazioni -afferma Annolfi- che sono responsabili di funzioni essenziali quali masticazione, fonazione, respirazione, serramento o digrignamento dei denti. I pazienti che si rivolgono a noi soffrono di violenti mal di testa, difficoltà nel consumare cibo, tensioni muscolari e, a volte, persino di fotofobia. Molto spesso, si tratta di persone che nemmeno riescono a uscire di casa”.Da qui, l’importanza di curare complessivamente il problema: “Quando i pazienti arrivano da noi -dice Annolfi- le hanno provate tutte per curare i sintomi. Noi invece curiamo la causa e, in meno di una settimana, riusciamo a migliorare in maniera decisa la loro qualità di vita. La pedana posturo-stabilometrica, la kinesiografia e l’elettromiografia sono gli strumenti con i quali accertare il problema. Una volta verificata la causa, si interviene con un bite neuromuscolare, in caso di disordini muscolari, e con un bite di distrazione e di riposizionamento, in caso di disordini articolari”.Lo studio inoltre è leader nel settore dell’implantologia: “Siamo abituati -conclude Annolfi- a ridare, in poche ore, la funzione masticatoria con il carico immediato e la chirurgia guidata. Ogni anno mettiamo circa mille impianti, ma la nostra peculiarità è quella di integrare l’implantologia e la riabilitazione occlusale nel discorso posturale. Il che rende più efficiente l’intero sistema. Siamo orgogliosi di essere l’unica realtà che realizzi ciò, differenziandoci in modo netto dai nostri competitor”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles