domenica, 25 Febbraio , 24

La Hong Kong Philharmonic a Roma per la tournée dei suoi 50 anni

Il 5 marzo all’Auditorium Parco della Musica...

A Roma tutti col nastro arancione per Leone e i diritti degli animali

La mobilitazione che chiede l’introduzione di pene...

L’unico gay dichiarato del Qatar: “Ci arrestano e ci torturano”

MondoL’unico gay dichiarato del Qatar: “Ci arrestano e ci torturano”

ROMA – Appena due giorni fa il Ministro per gli Affari Esteri del Regno Unito, il conservatore James Cleverly, è finito in un polverone per aver detto in radio che i tifosi gay che andranno in Qatar per i Mondiali di calcio dovranno “essere rispettosi del Paese che li ospiterà”. La questione dei diritti della comunità Lgbtq+ è un fronte aperto, a poche settimane dall’inizio della Coppa del Mondo. Perché, tanto per cominciare, non si hanno notizie dell’esistenza stessa di persone omosessuali in Qatar. Vivono nell’ombra, hanno paura.

Il motivo lo spiega in un’intervista alla Die Zeit la prima e unica persona queer del Qatar che finora ha fatto outing. Si fa chiamare Nas Mohamed, ha 35 anni, ed era un medico. Si identifica come una persona non binaria. Nel 2011 si è trasferito negli Stati Uniti, ha chiesto asilo nel 2015 e l’ha ottenuto nel 2017. Ha fatto outing alla BBC, nel maggio scorso. “Ho sperimentato com’è vivere sotto questo regime- racconta- Speravo di non essere mai trovato. A quel tempo conoscevo meno di dieci gay in Qatar. Sono ancora tutti in Qatar ad assistere al marketing per la Coppa del Mondo. Non riconosco nemmeno il Paese, tutto è graziosamente colorato. Questo non è il Paese in cui sono cresciuto. Non corrisponde a quello che ho vissuto. La gente non si rende conto di quanto sia violento e anti-queer il Qatar. Quando ho chiesto asilo negli Stati Uniti nel 2015, mi hanno chiesto: perché non abbiamo mai sentito parlare di persone perseguitate in Qatar? Mi è stato quasi negato l’asilo”.

Dice di temere ancora ripercussioni: “Si sentono minacciati perché c’è una persona queer del Qatar che è disposta a parlare. Di solito siamo messi a tacere. Questa è stata una parte importante del viaggio: diventare visibile rapidamente prima di essere zittito. Fortunatamente, ora molti occhi sono puntati su di me. Quindi mi sento un po’ protetto. La mia famiglia non mi ha nemmeno chiamato dopo il coming out. Contattarmi è pericoloso. E sfortunatamente, è difficile far parlare i qatarini LGBT, hanno paura”.

“Lo stato del Qatar mette le persone in prigione e le tortura fisicamente e psicologicamente- dice ancora- Non vieni punito solo se vieni sorpreso per sbaglio. Fanno di tutto per trovarti. E poi ti fottono. Ti trattano come assassini. Questa è una bomba a orologeria. Perché le autorità stanno persino cercando di reclutare persone dalla nostra comunità. Se trovano una persona, la maltrattano e la ricattano: se non vuoi che ti succeda di nuovo, è più sicuro che lavori per noi. Non sai chi lavora per lo Stato. Hai paura dei tuoi vicini, delle forze dell’ordine, persino della tua stessa famiglia. Non avevo mai sentito la parola ‘gay’ in arabo. Mi piacevano gli uomini, solo che non sapevo come chiamarlo. Non ne ho mai parlato perché parliamo di sesso solo quando ci sposiamo. Nel 2010, durante un viaggio a Las Vegas, tutto mi è diventato chiaro. In un ambiente sessualmente intenso, mi sono reso conto di essere gay. Mi ci è voluto ancora più tempo per capire che sono una persona non binaria”.

Mohamed accusa direttamente gli “ambasciatori” del Mondiale come David Beckham: “La mia vita, la mia comunità, viene distrutta dalla Fifa e da persone come lui che danno il loro potere alle persone sbagliate. I David Beckham sono sempre esistiti e sempre esisteranno. Stanno facendo accordi con un regime che ha petrolio, denaro e connessioni globali. Ho detto a Beckham: basta firmare la mia petizione chiedendo alla Fifa di criticare il Qatar per il trattamento riservato alle persone queer. Ma ha rifiutato”.
]]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo L’unico gay dichiarato del Qatar: “Ci arrestano e ci torturano” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles