mercoledì, 21 Febbraio , 24

Acri: Giovanni Azzone (Fondazione Cariplo) è il nuovo presidente

Sostituisce Francesco Profumo per il completamento del...

Efsa: con meno antibiotici in animali meno batteri resistenti

Indagine di 3 agenzie: possibile invertire antibiotico-resistenza Roma,...

Audioboost si presenta a community italiana investitori a Los Angeles

I risultati del progetto pilota all’interno del...

Londra: preoccupa un’offensiva militare a Rafah, Israele si fermi

AttualitàLondra: preoccupa un'offensiva militare a Rafah, Israele si fermi

Il portavoce di Sunak: il valico è fondamentale per gli aiuti. Cameron: vogliamo una pausa immediata dei combattimenti

Roma, 12 feb. (askanews) – Il portavoce ufficiale di Rishi Sunak, primo ministro del Regno Unito, ha dichiarato di essere “profondamente preoccupato” per la prospettiva di un’offensiva militare a Rafah. La città, al confine con l’Egitto, è una delle poche regioni non ancora prese di mira da un’offensiva di terra israeliana e sta offrendo rifugio a oltre la metà dei 2,3 milioni di abitanti di Gaza che sono fuggiti dai combattimenti altrove. Il portavoce ufficiale del Primo Ministro ha dichiarato che “siamo ovviamente molto preoccupati per la prospettiva di un’offensiva militare a Rafah. Più della metà della popolazione di Gaza si rifugia lì e questo valico è fondamentale per garantire che gli aiuti possano raggiungere le persone che ne hanno disperatamente bisogno”.

Il ministro degli Esteri britannico, David Cameron, ha dichiarato che Israele dovrebbe “fermarsi e riflettere seriamente” prima di intraprendere ulteriori azioni a Rafah, che è stata colpita da pesanti attacchi aerei durante la notte. Cameron ha aggiunto che molte delle persone a Rafah sono già fuggite da altre zone e che non c’è nessun altro posto dove andare. Parlando con i giornalisti a East Kilbride, in Scozia, ha dichiarato che “siamo molto preoccupati per quanto sta accadendo a Rafah perché, diciamolo chiaramente, le persone che si trovano lì, molte si sono spostate quattro, cinque, sei volte prima di arrivarcì. Pensiamo che sia davvero impossibile capire come si possa combattere una guerra tra queste persone, che non possono andare da nessuna parte”.

“Non possono andare a sud in Egitto, non possono andare a nord e tornare alle loro case perché molte sono state distrutte. Siamo quindi molto preoccupati per la situazione e vogliamo che Israele si fermi e rifletta seriamente prima di intraprendere qualsiasi altra azione”, ha sottolineato, “Ma soprattutto vogliamo una pausa immediata nei combattimenti. Vogliamo che questa pausa porti a un cessate-il-fuoco, un cessate-il-fuoco sostenibile senza il ritorno a ulteriori combattimenti. Questo è ciò che dovrebbe accadere ora”.

“Dobbiamo liberare gli ostaggi, compresi i cittadini britannici”, ha concluso il titolare del Foreign Office, “Dobbiamo far arrivare gli aiuti. Il modo migliore per farlo è fermare subito i combattimenti e trasformarli in un cessate il fuoco permanente e sostenibile”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles