domenica, 25 Febbraio , 24

A Roma tutti col nastro arancione per Leone e i diritti degli animali

La mobilitazione che chiede l’introduzione di pene...

Osimhen non basta, il Napoli a Cagliari fa 1-1

Il nigeriano segna al 66′. Pareggio beffa...

Musica Classica: Gianandrea Noseda torna nella sua Milano, alla Scala

Con National Symphony Orchestra, programma strepitoso e...

Lombardia, Cattaneo: nostro modello sostenibilità non integralista

AttualitàLombardia, Cattaneo: nostro modello sostenibilità non integralista

“Non vogliamo slogan, ma esperienze concrete”
Milano, 19 ott. (askanews) – Mettere a fuoco un modello lombardo di sviluppo sostenibile ispirato a una sostenibilità equilibrata, che parta dal basso, che sia concreta e non ideologica. Questo l’obiettivo del terzo Forum regionale per lo sviluppo sostenibile in programma negli spazi di Palazzo Lombardia fino a sabato 22 ottobre. I lavori sono stati aperti dall’assessore all’Ambiente e Clima della Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo, che ha evidenziato come il modello di sostenibilità promosso dall’amministrazione regionale sia ispirato a quella che “Papa Francesco chiama l’ecologia integrale e che è il contrario dell’integralismo ecologico, di un ambientalismo ecologica che sventola la bandiera della sussidiarietà, ma non la rende possibile”. “Quindi – ha detto – non vogliamo slogan, ma esperienze concrete”. Fra queste ha raccontato la sua esperienza di mamma e lavoratrice Lisa Casali che ha presentato il suo decalogo per sostenere l’ambiente. E poi, fra gli altri, spazio per Fybra, un sensore intelligente, presentato dal Ceo della start up innovativa italiana che ha lo stesso nome, Gaetano Lapenta. Grazie a questo dispositivo è possibile migliorare la qualità dell’aria negli spazi chiusi sfruttando la ventilazione naturale. Tramite sensori avanzata ed algoritmi predittivi e adattivi, Fybra garantisce salubrità, comfort ed efficienza energetica. “In questi quattro giorni – ha continuato Cattaneo – approfondiremo la sostenibilità in tutte le sue sfaccettature. Partiamo dai giovani, mettendo a tema i ‘green jobs’ e le esperienza concrete di successo nate da giovani nel campo, appunto, della sostenibilità delle università e della ricerca”. Poi spazio alle imprese (manifatturiere e del turismo) e poi uno sguardo alla dimensione sociale della sostenibilità stessa. Venerdì, infine, sarà la giornata istituzionale durante la quale saranno portate all’attenzione esperienze diverse di proveniente da Regioni anche molto lontane, ma che hanno esperienze interessanti e avanzate da proporre. “E poi – ha concluso Cattaneo parleremo di sostenibilità da un punto di vista cultura e infrastrutturale. Sabato, quindi, proveremo a mettere a fuoco quel nuovo modello di sviluppo sostenibile”. continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles