mercoledì, 12 Giugno , 24

Bce, De Guindos: per prossimi 6 mesi no linea predeterminata tassi

Diffidare di chi da indicazioni su futuro...

Patto su immigrazione e asilo, la Commissione Ue vara un piano comune d’attuazione

Base per piani d’attuazione nazionali, da applicare...

Patto Ue su migranti, Commissione vara piano comune d’attuazione

Base per piani d’attuazione nazionali, da applicare...

Al Biografiafilm Festival anteprima documentario su Assalti frontali

“Una vita all’assalto”, a Bologna il 14...

La Lombardia punta sul turismo invernale, +8% rispetto al pre Covid

AttualitàLa Lombardia punta sul turismo invernale, +8% rispetto al pre Covid

Santanchè: serve identità riconoscibile e più conoscenza prodotto

Milano, 23 nov. (askanews) – Negli ultimi anni la montagna è diventata “protagonista” del turismo in Lombardia, facendo registrare, grazie alle ultime rilevazioni dei big data, “una crescita dell’8% rispetto al periodo pre Covid”. Lo ha detto l’assessore regionale al Turismo, Marketing territoriale e Moda, Lara Magoni, presentando l’offerta invernale della Regione. Si tratta di una crescita, ha evidenziato, spinta dalla presenza di tre aeroporti e di città d’arte, oltre che di 112 valli, 27 comprensori, 476 piste da discesa, 324 chilometri per lo sci di fondo e 14 snowpark, 6.700 chilometri di sentieri segnalati, nonché 2.700 maestri di sci che operano in oltre 69 scuole di sci.

Da Madesimo a Foppolo, da Bormio a Livigno, da Santa Caterina Valfurva a Ponte di Legno, senza dimenticare Piani di Bobbio e Valtorta, gli amanti dello sci trovano in Lombardia un’offerta variegata che ha la sua punta di diamante nella Valtellina, che ospiterà nel 2026 i Giochi Olimpici. Un altro rilevante comprensorio del territorio lombardo, più precisamente nell’area di Brescia, è il Pontedilegno-Tonale, dove si trova la storica cabinovia Paradiso che, dal Passo del Tonale, raggiunge i 3.000 metri di quota del Passo Paradiso. Per quanto riguarda l’area bergamasca, il comprensorio Presolana-Monte Pora vanta 30 chilometri di piste da sci ideali per famiglie, principianti, ma anche per sciatori esperti.

“Regione Lombardia ha riconosciuto nel turismo – ha sottolineato il presidente della Regione, Attilio Fontana – uno degli asset principali per il suo sviluppo. E tale e tanta è la nostra attenzione per questo comparto fondamentale della nostra economia che investiamo risorse, energie, strutture per fare in modo siano sempre le migliori”.

“Davanti a noi – ha detto ancora Fontana – ci sono due grandi eventi che certamente contribuiranno ad incrementare l’attrattività delle nostre montagne: i Master Games del 2024 e, due anni dopo, le Olimpiadi invernali-Milano Cortina 2026. Ci arriveremo con tutto quello che serve in termini di servizi, collegamenti, trasporti, per fare un’ottima figura a livello internazionale” ha aggiunto.

“Dobbiamo essere orgogliosi della nostra Lombardia – ha dichiarato il ministro del Turismo, Daniela Santanchè – e consapevoli che il turismo è il petrolio per l’Italia, oltre che una straordinaria opportunità per creare posti di lavoro per i nostri giovani”. I punti in cui la Lombardia è ancora “debole sono la mancanza di un’identità riconoscibile e una scarsa conoscenza del prodotto. Oggi il ‘brand’ è fondamentale, il marchio Italia è il terzo per importanza al mondo e la Lombardia, che si scontra con località molto rinomate non distanti, deve lavorare per un’offerta sempre migliore”.

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles