venerdì, 21 Giugno , 24

Tennis, Sinner supera Struff e centra la semifinale ad Halle

Vittoria con qualche patema 6-2 6-7 7-6 Roma,...

Firenze, Schlein: voglio vedere prima sindaca donna, Sara Funaro

Rischio astensione? “Con questa destra voto ballottaggi...

Autonomia, Conte: pronti a formulazione quesito referendario

Todde annuncia impugnazione alla Consulta, lotteremo a...

La cronista Kamsu: “L’Africa non è nata in catene, raccontiamo la sua storia”.

MondoLa cronista Kamsu: “L’Africa non è nata in catene, raccontiamo la sua storia”.

ROMA – L’Africa “non è un continente senza storia“, attraversato nei secoli solo da “schiavitù e colonialismo”. A sottolinearlo in un’intervista con l’agenzia Dire è Sarah Kamsu, giornalista afrodiscendente di origini camerunensi che nel 2020 ha fondato la piattaforma We africans united. Il desiderio di divulgare la storia del continente ispira il lavoro del suo progetto, a cui si accede tramite Instagram, dove può contare su quasi 20mila follower.

“I nostri articoli vogliono far conoscere la storia africana svelando che questa non nasce in catene, rendendo noto cosa avveniva prima della schiavitù e poi la resistenza a questa forma di oppressione che c’è stata in tutto il continente”, spiega Kamsu a margine di un incontro organizzato a Roma dalla piattaforma Champ e dalla ong Amref Health Africa per parlare di “afrofobia”, razzismo e nuove narrazioni. “Vogliamo anche rendere note le vite di grandi personaggi che hanno contribuito alla crescita del continente, anche oltre l’ex presidente del Sudafrica Nelson Mandela, forse la figura più nota”.

Il parallelismo con la restituzione delle opere d’arte

Un processo di riappropriazione che scorre parallelo ad altri, come il dibattito per la restituzione delle opere d’arte africane conservate nei musei europei, in corso da anni con il coinvolgimento di governi e società civili africane ed europee. “Spesso le persone entrano al Louvre o nei grandi musei di New York, ammirano delle opere ma ignorano o non si chiedono come sono arrivate lì”, dice la cronista. “E’ fondamentale che se ne parli ed è importante che questi artefatti vengano restituiti: per le culture africane sono qualcosa di più di oggetti materiali, hanno un valore spirituale. E poi ci sono state sottratte: è giusto che tornino a casa“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles