mercoledì, 21 Febbraio , 24

Beethoven e Schubert per il concerto di Alexander Lonquich

Il pianista tedesco giovedì al Teatro Sannazaro...

Il dl Superbonus è legge: il 110% è al capolinea

Miniproroga per famiglie a basso reddito e...

Lega sotto accusa per Russia Unita e Navalny, Azione prepara mozione

Ma il Carroccio ribatte: “Fase politica chiusa” Roma,...

Ismea: prezzo latte ai massimi ma redditività allevamenti in bilico

AttualitàIsmea: prezzo latte ai massimi ma redditività allevamenti in bilico

Nel 2022 listini lattiero caseari all’ingrosso +25%, burro +73,2%
Milano, 21 ott. (askanews) – Il calo della produzione mondiale di latte prosegue nel corso del 2022 interessando tutti i principali paesi esportatori, a causa delle condizioni climatiche sfavorevoli e degli alti prezzi degli input che hanno impattato sulle scelte gestionali degli allevatori. Di fronte alla minore disponibilità di latte si è registrato uno straordinario aumento del prezzo alla stalla (stima media UE a settembre 53 euro/100 kg) trainato anche dal rialzo dei listini di burro e polveri magre. Una situazione analoga si riscontra anche in Italia dove la forte pressione dei costi e le difficoltà di approvvigionamento dei mangimi hanno indotto gli allevatori a frenare la produzione (+0,1% le consegne di latte nel periodo gennaio-luglio 2022, dopo i forti aumenti registrati nel 2021 e nel 2020). È quanto emerge dal report “Tendenze” dell’Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare (Ismea), relativo al settore lattiero caseario che verrà pubblicato il 22 ottobre sul sito www.ismeamercati.it , in occasione del Convegno organizzato dall’Istituto e intitolato “Il futuro delle stalle italiane tra nuova Pac e mercato”, organizzato alla Fiera agricola zootecnica (Fazi) di Montichiari (Brescia). Sempre dal report Ismea, si evince che nei primi nove mesi del 2022, i listini dei prodotti lattiero caseari registrano un incremento all’ingrosso di oltre il 25% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, trainato soprattutto dai formaggi duri, dai formaggi molli (rispettivamente +8,6% e +15,6% su base tendenziale) e, sebbene con un peso ridotto sul paniere complessivo, anche dal burro (+73,2%). L’Istituto spiega inoltre che per effetto della spinta inflattiva anche la spesa delle famiglie per latte e derivati è aumentata di oltre il 4% nel periodo gennaio – settembre 2022 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, ma con un evidente svuotamento del carrello (-3% in volume su base annua). Sul fronte del commercio estero, dopo gli ottimi risultati dello scorso anno, le esportazioni di formaggi e latticini italiani hanno continuato a registrare performance positive (+13 in volume e +22% in valore nei primi sette mesi del 2022), con variazioni tendenziali a doppia cifra per i formaggi più rappresentativi del “Made in Italy”. Nonostante gli aumenti dei fatturati, le imprese zootecniche hanno segnalato forti criticità nella gestione aziendale nel corso del terzo trimestre 2022, in misura decisamente più intensa rispetto al resto dell’agricoltura. Le maggiori entrate, secondo gli operatori del panel Ismea, non hanno adeguatamente compensato i maggiori esborsi per l’acquisto dei mangimi e più in generale dei mezzi di produzione e anche le attese per il prossimo trimestre non sono migliori. continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles