domenica, 21 Luglio , 24

M.O., Netanyahu: raid in Yemen “risposta” ad attacco Houthi a Tel Aviv

Premier israeliano: Houthi “parte dell’asse del male...

Vino, Les Grands Chais de France raddoppia vendite Cremant in Italia

In primo semestre 2024 già vendute 200mila...

Carmine Padula, oltre la colonna sonora

Lunedì 22 luglio, alle ore 21,30, i...

Vino, Castello Del Terriccio partner di “Una montagna di libri”

Il 4 agosto a Cortina conversazione sul...

Imprese, sostenibilità e impatto sociale: Nove aziende su 10 non in regola

AttualitàImprese, sostenibilità e impatto sociale: Nove aziende su 10 non in regola

Giovanni Lombardo (Spin off): Fondi Pnrr a rischio
Roma, 19 ott. (askanews) – Sostenibilità e impatto, questi sconosciuti. Almeno il 90% delle imprese italiane non ha ancora sviluppato una strategia di impatto o una gestione basata volontariamente su criteri sostenibili. Un dato allarmante, considerato che la gestione dei fondi del Pnrr, le garanze Sace e altri bandi regionali e internazionali richiedono appunto un percorso e indicatori su questi fronti. L’allarme arriva da un gruppo di esperti che, da anni, lavora per rendere virtuose le aziende nostrane: “Siamo di fronte a un bivio – spiega Giovanni Lombardo, docente universitario di Metodi e tecniche di analisi dei dati, Ceo e Amministratore di spin off dell’Università di Genova e del Politecnico di Milano. Ogni impresa, per restare al passo con i tempi, fruire di agevolazioni previste nel Piano di ripresa e resilienza e beneficiare di talune garanzie Sace, dovrebbe analizzare le proprie attività e identificare le tematiche più rilevanti, in ottica appunto di sostenibilità e di impatto sociale e non solo ambientale. Conoscere il proprio posizionamento nella filiera è fondamentale e una analisi simile a un “rating” sui criteri ESG (Environmental, Social e Governance), può costituire un primo passo verso la consapevolezza del proprio posizionamento”. Le risorse del Pnrr per almeno un terzo sono dedicate a investimenti green in settore strategici e queste risorse non devono contribuire a progetti che arrecano danni al clima. Altre linee di finanziamento riguardano l’inclusione e l’innovazione sociale. E la maggior parte di queste risorse verrà erogata tramite i Comuni, chiamati a misurare gli effetti e gli impatti dei progetti finanziati. Peraltro, se da un lato la sostenibilità ambientale è maggiormente conosciuta e sviluppata, l’analisi di effetti e di impatti sociali risulta appannaggio di pochissimi soggetti. In Italia, le imprese sono in totale poco più di cinque milioni e le micro, piccole e medie imprese rappresentano quasi il 99%, corrispondente a oltre l’80% dell’occupazione. Di queste, le imprese sociali sono poco meno di 400mila; le “società benefit” circa duemila, di cui circa 150 certificate. Le società quotate, obbligate a rispondere a una più attenta rendicontazione socio-ambientale che affianca quella economico finanziaria, sono poco oltre 400: “Numeri che, nonostante gli sforzi fin qui profusi, sono impietosi -dice Lombardo. Di quelle aziende, al massimo una su dieci ha scelto, al momento, di seguire regole imposte da standard internazionali di sostenibilità o di stima dell’impatto. Il problema ora è che, pur in mancanza di un obbligo, è tempo di impostare strategie adeguate a fruire di risorse economiche importanti. Quelle appunto del PNRR”. Conoscere quanto si è distanti rispetto a competitor o sapere come rispondere alle richieste dei propri clienti e finanziatori è divenuto, di fatto, cogente. Peraltro, a piccoli passi, ogni impresa può introdurre senza particolari oneri buone prassi sostenibili nei processi di approvvigionamento: “In particolare -ricorda ancora Lombardo- nella selezione dei propri fornitori; nella gestione dell’offerta e nella comunicazione; nell’efficientamento energetico e nel calcolo delle emissioni; nella gestione del personale, in ottica di miglioramento del welfare aziendale e degli equilibri di genere e pari opportunità; senza tralasciare l’aspetto più rilevante relativo agli effetti sociali di una buona gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. L’attenzione all’ambiente è ancora più significativa, anche in ottica di diminuzione dei rischi residui e delle possibili contestazioni penali che caratterizzano il mancato rispetto di taluni obblighi. Il buon esempio deve comunque partire dagli apicali: il governo dell’impresa va strutturato secondo trasparenza, equilibrio ed etica. Certo, quantomeno un investimento in cultura, formazione e -quindi- in tempo da dedicare all’innovazione di processo viene richiesto. Il responsabile del personale assume un ruolo pivotale in questa fase di transizione”. Le filiere e le catene di fornitura, insomma, stanno assumendo un ruolo saliente in relazione al concetto di sostenibilità sociale, ambientale ed economica: “Questo sta accadendo in tutta Europa e ancor di più Oltreoceano -ricorda Lombardo. Specie nelle imprese del comparto green, gestione dei rifiuti, plastiche, carta; TLC, digitale; infrastrutture; ma anche in quelle con una catena di fornitura più lunga, che richiede materie prime distanti o autorizzazioni ambientali, gestione di scarichi e monitoraggio delle emissioni. Per alcune l’economia circolare è intrinseca; penso all’acciaio. Per altre, la sostenibilità è cogente, perché sono target di fondi comuni di investimento, obbligati -a loro volta- a rendicontare il grado di sostenibilità dei propri investimenti e, quindi, a indagare sulle piccole e medie imprese partecipate o oggetto di acquisizione. Credo che anche da noi sia necessario allungare il passo per non restare al palo e mantenersi competitivi. Elemento fondamentale in questa fase di ripartenza globale e di fondi importanti a disposizione”. La parola chiave su cui concentrarsi è, soprattutto, “rischio”. Infatti, il monitoraggio delle fasi gestionali in ottica di risk management (anche socio-ambientale) conduce a misurare effetti e impatti della gestione e a performance migliori, più stabili nel tempo, meno volatili e più redditizie. “Esorto pertanto ogni imprenditore -conclude Lombardo- a non perdere la traghettazione che il PNRR offre, sforzandosi di crescere anche culturalmente, per giungere ad acque più tranquille e sfruttare oceani più blu, a volte dietro l’angolo, ancora inesplorati. Ora o mai più”. continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles