domenica, 21 Luglio , 24

M.O., Netanyahu: raid in Yemen “risposta” ad attacco Houthi a Tel Aviv

Premier israeliano: Houthi “parte dell’asse del male...

Vino, Les Grands Chais de France raddoppia vendite Cremant in Italia

In primo semestre 2024 già vendute 200mila...

Carmine Padula, oltre la colonna sonora

Lunedì 22 luglio, alle ore 21,30, i...

Vino, Castello Del Terriccio partner di “Una montagna di libri”

Il 4 agosto a Cortina conversazione sul...

Il pianista anti-Putin: non boicottate la cultura russa, fate il suo gioco

PoliticaIl pianista anti-Putin: non boicottate la cultura russa, fate il suo gioco

BOLOGNA – Il sentimento di chi non vuole più leggere o ascoltare opere russe “lo capisco”. Ma “non bisogna boicottare la cultura russa”, perchè altrimenti “si farebbe solo il gioco di Putin”. Quindi, “per favore non fatelo”. L’esortazione arriva da Evgeny Kissin, il grande pianista russo, naturalizzato britannico, oggi a Bologna in vista del concerto di dopodomani, sabato 5 novembre, all’auditorium Manzoni insieme all’Orchestra del Teatro comunale.

“CAPISCO IL SENTIMENTO”

“Capisco il sentimento che muove chi non vuole più sentire la musica russa- dice Kissin, incontrando questo pomeriggio la stampa a Bologna- ma penso che non sia il caso di boicottare la cultura russa, perchè questo farebbe solo il gioco di Putin. Lui e i suoi propagandisti cercano di identificarsi con la grande cultura russa, anche se chiunque con un briciolo di cervello capisce sono due cose completamente diverse”.

IL PARALLELO CON LA GERMANIA

Quindi, insiste Kissin, “boicottare la cultura russa significherebbe identificarla con il regime di Putin. Per questo penso che non si debba fare”. Durante la Seconda guerra mondiale, cita il musicista, “nessun Paese antinazista ha mai boicottato la grande cultura tedesca. Anche in quel caso, Hitler cercava di identificare il proprio regime con la cultura tedesca, quando invece ad esempio tutta l’opera di Beethoven era assolutamente antifascista”.

“SUONARE DI NUOVO IN RUSSIA? NON ME LO CHIEDERANNO MAI”

Adesso, continua Kissin, “Putin ad esempio sta portando avanti una campagna omofobica e contro i diritti civili, mentre sappiamo benissimo che invece Tchaikovski era omosessuale. Quindi, per favore, non associate la cultura russa a questa persona”. Tornerà a suonare in Russia in futuro? “Non me lo chiederanno mai- risponde Kissin- dall’inizio della guerra talmente tante volte ho detto cosa penso della politica putiniana, che nessuno mi chiamerà mai”.

(Foto di copertina: Evgeny Kissin, picture Sheila Rock)
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

L’articolo Il pianista anti-Putin: non boicottate la cultura russa, fate il suo gioco proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles