domenica, 21 Luglio , 24

M.O., Netanyahu: raid in Yemen “risposta” ad attacco Houthi a Tel Aviv

Premier israeliano: Houthi “parte dell’asse del male...

Vino, Les Grands Chais de France raddoppia vendite Cremant in Italia

In primo semestre 2024 già vendute 200mila...

Carmine Padula, oltre la colonna sonora

Lunedì 22 luglio, alle ore 21,30, i...

Vino, Castello Del Terriccio partner di “Una montagna di libri”

Il 4 agosto a Cortina conversazione sul...

I 100 anni di Bauli: il pandoro, nonno Ruggero e la svolta dei croissant

AttualitàI 100 anni di Bauli: il pandoro, nonno Ruggero e la svolta dei croissant

Presidente Michele: Oggi ci siamo tutti i giorni, a Natale siamo più forti
Milano, 27 ott. (askanews) – “Quando vedo qualcuno per strada col pandoro Bauli mi viene voglia di abbracciarlo”. Michele Bauli si lascia andare all’emozione quando parla dell’azienda che 100 anni fa suo nonno Ruggero fondava a Verona e che oggi lui presiede. In questo secolo di storia, Bauli è diventata molto più del pandoro che l’ha resa celebre, ma questo dolce della tradizione veronese conserva ancora un posto speciale nella credenza di famiglia. Perchè è da lì che tutto è partito: “Mio nonno Ruggero era la genialità di una persona che sapeva fare – lo ha ricordato il nipote Michele festeggiando nella Biblioteca Capitolare della città scaligera questo traguardo che è diventato anche un docufilm, un volume celebrativo e un francobollo – era uno dei più bravi pasticceri di Verona: ai suoi tempi c’era la coda davanti alla sua pasticceria per comprare il pandoro, oggi è il contrario: siamo noi che ci mettiamo in coda per venderlo”. Il merito di quel fondatore, sopravvissuto al naufragio nel 1927 del piroscafo “Principessa Mafalda” mentre andava a cercare fortuna in Argentina, è quello di essere “riuscito a mandare in produzione il pandoro ogni 20 minuti nonostante ci vogliano 40 ore per prepararlo”. Tra l’azienda da 541 milioni di fatturato di oggi e quella pasticceria nata in via della Scala a Verona nel 1922 c’è un percorso tracciato da tre generazioni e costellato da nuovi prodotti, acquisizioni di marchi iconici, da Doria, a Motta, Alemagna fino a Bistefani, mercati lontani come l’India, che ora assicura una crescita del 30% l’anno, nuovi segmenti in cui osare. Tutte scelte che hanno permesso a Bauli di non essere più un marchio legato esclusivamente alla ricorrenza del Natale. Il mantra per questa azienda con 1.700 dipendenti è “diversificare per ridurre il rischio e assicurarci la crescita”. E si spiegano così anche le più recenti acquisizioni di Alpipan (all’80%), azienda lucchese specializzata in pani gluten free, del produttore slovacco di barrette proteiche Maxsport (sempre all’80%), o della piemontese Dacasto per la produzione dei panettoni personalizzati: “Oggi fatturiamo più fuori da Natale e Pasqua che non dalle ricorrenze – ha confermato il presidente – Prima dicevamo che Bauli era come un circo che compariva a Natale e Pasqua e poi scompariva. Oggi c’è tutti i giorni, poi a Natale è anche più forte”. L’idea di destagionalizzare l’attività in realtà non è di questi giorni ma è partita della seconda generazione dei Bauli: “I tre fratelli, mio papà insieme ai miei zii, Alberto e Carlo, cercavano un prodotto che andasse bene tutto l’anno – ha raccontato il presidente – e mio zio Alberto pensò ai croissant”. L’intuizione, arrivata negli anni 90, segna l’ingresso di Bauli nel mercato dei prodotti da forno per uso quotidiano e l’inizio della diversificazione. Ma nella Bauli di oggi cosa resta della pasticceria aperta 100 anni fa? “La cosa che ci hanno lasciato – dice il presidente – è l’attenzione spasmodica per la qualità del prodotto: ogni tanto in consiglio di amministrazione anziché parlare di finanza ci mettiamo a parlare del colore della codetta di zucchero. E poi c’è l’impegno: i tre fratelli hanno sempre lavorato 10 ore al giorno e questa cosa è rimasta, mio nonno non lavorava solo il pomeriggio di Natale e di Capodanno”. Anche il lievito madre è ancora quello con cui Ruggero preparava il suo pandoro, rinfrescato costantemente nello stabilimento di Castel D’Azzano per la produzione di tutti i lievitati che escono di lì, pandoro e panettone inclusi. Le ricette invece per ragioni industriali sono state standardizzate: “Mio nonno non aveva una ricetta definita del pandoro perchè ogni volta cercava di aggiungere un po’ più di burro”, mentre ora ingredienti e processi sono tutti rigidamente definiti. In realtà, oltre alla madre del lievito, quello che da allora non è cambiato è anche l’assenza di conservanti nel pandoro: “La lunga fermentazione crea un po’ di alcol che previene la nascita delle muffe, per questo non ci sono conservanti e non lo sa nessuno” assicura il presidente il quale confessa di preferire al pandoro il panettone che poi è anche “il prodotto più richiesto all’estero, anche se il pandoro alla fine piace di più ma è meno conosciuto”. L’innovazione frutto di intuizioni felici anche nel mondo della comunicazione – come ci ricordano le celebri pubblicità natalizie – prosegue ancora oggi e i “minuti” Bauli, dolce da asporto fresco di pasticceria dello stesso impasto del pandoro farcito con crema, ne sono una prova. Anche se negli ultimi anni le difficoltà non sono mancate: “La pandemia è stata complicatissima. Una volta usciti dalla pandemia il mondo è ripartito e questo ha fatto balzare i costi poi è arrivata la guerra e i rincari dell’energia: oggi le aziende fanno fatica, stanno lavorando sull’inflazione che ahimè verrà trasferita ai consumatori perchè i costi sono ingestibili ma passerà, ne abbiamo passate di peggio”. E fra altri cento anni dove sarà Bauli? “Non so dove saremo – ammette Michele Bauli – ma questa passione ci può aiutare a crescere, a essere ancora l’azienda del pandoro di Verona ma anche tante altre cose”. continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles