giovedì, 29 Febbraio , 24

Casucci: Cultura e la creatività al centro dello sviluppo economico locale

Parla l’assessore regionale al turismo al focus...

Usa, Corte Suprema si esprimerà su richiesta di immunità di Trump

Deciderà se potrà essere perseguito per interferenza...

Modernità del Trittico di Giacomo Puccini

L’anno del centenario pucciniano si apre domani...

Il Gemelli è il miglior ospedale d’Italia secondo Newsweek

Per il quarto anno consecutivo, sale al...

Heineken Italia: dal 2010 produzione birra +32%, emissioni CO2 -40%

AttualitàHeineken Italia: dal 2010 produzione birra +32%, emissioni CO2 -40%

In undici anni risparmiati nove milioni di ettolitri di acqua
Milano, 20 ott. (askanews) – A fronte di un aumento della produzione del 32% rispetto al 2010, nel 2021 Heineken Italia ha ridotto le emissioni di CO2 del 40% in valore assoluto e del 55% in rapporto a ogni litro di birra prodotto, con una riduzione di 17.685.958 chili di CO2 rispetto alle emissioni generate nel 2010. È come dire che nel 2021, i birrifici italiani di Heineken hanno ridotto le emissioni in atmosfera generando un effetto positivo sull’ambiente equivalente a quello di un bosco di oltre 9 chilometri quadrati, grande quindi come l’intera area metropolitana di Milano. E’ quanto emerge dal rapporto di Sostenibilità 2021 di Heineken Italia, frutto degli investimenti messi in atto dall’azienda negli anni per ridurre l’impatto ambientale e promuovere iniziative di responsabilità sociale. Il consumo idrico è stato ridotto di quasi un quarto (-23%) in valore assoluto e del 42% per ettolitro di birra prodotto. Questo equivale a dire che lo scorso anno è stata risparmiata, rispetto al 2010, l’acqua utilizzata in una giornata da 4,5 milioni di italiani per bere, lavarsi e cucinare. Un impegno che prosegue, come dimostra il caso del birrificio di Massafra, in provincia di Taranto, dove grazie a nuovi investimenti è prevista una riduzione di 10 milioni di litri già nel 2022. Il 100% dell’energia elettrica utilizzata nei birrifici di Heineken in Italia proviene da fonti rinnovabili certificate. Inoltre, proprio il birrificio di Massafra è il secondo al mondo per numero pannelli solari installati (13.000) e per energia fotovoltaica generata (secondo la classifica Top 100 solar beer breweries di SolarPlaza). “Produrre di più e consumare di meno, questo è il nostro approccio alla sostenibilità che rappresenta una priorità per Heineken Italia ed è imprescindibile per il futuro dell’azienda. Non possiamo dunque che rinnovare e rafforzare continuamente il nostro impegno e gli investimenti in soluzioni all’avanguardia per ridurre l’impatto ambientale lungo tutte le fasi della filiera – commenta Leo Gasparri, Sustainability manager di Heineken Italia – Negli ultimi 12 anni abbiamo creato le solide fondamenta su cui costruiamo il nostro percorso di crescita sostenibile: la diminuzione delle emissioni di CO2, con l’obiettivo di raggiungere la carbon neutrality su tutta la catena del valore nel 2040, la riduzione del consumo idrico nella fase di produzione, la cura per la sicurezza delle persone con cui lavoriamo e la creazione di un impatto positivo sulle comunità dove siamo presenti, anche attraverso la promozione del consumo responsabile”. Anche sul fronte della comunicazione Heineken porta avanti i temi di sostenibilità e responsabilità sociale. Uno degli ambiti nei quali investe è proprio la promozione del consumo responsabile impegnandosi ogni anno in campagne e iniziative dedicate. Nel 2021 è stato investito il 24% del budget media di Heineken nella campagna Enjoy Heineken responsibly raggiungendo oltre 32 milioni di contatti in tutta Italia. Le persone sono al centro del piano di sostenibilità “Brew a better word 2030” di Heineken Italia, sia come oggetto dell’impegno da parte dell’azienda che come soggetto promotore e impegnato in prima linea nella promozione dei valori aziendali. Prosegue così il percorso di sostenibilità di Heineken Italia per raggiungere gli obiettivi prefissati dal piano Brew a better world 2030 volti a ridurre l’impatto ambientale, impegnandosi a raggiungere zero emissioni in produzione entro il 2030 ed estendere questo impegno lungo tutta la catena del valore entro il 2040. continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles