mercoledì, 21 Febbraio , 24

Giappone, export cresciuto grazie a spedizioni in Cina

Ma le importazioni sono in calo Roma, 21...

Beethoven e Schubert per il concerto di Alexander Lonquich

Il pianista tedesco giovedì al Teatro Sannazaro...

Il dl Superbonus è legge: il 110% è al capolinea

Miniproroga per famiglie a basso reddito e...

Lega sotto accusa per Russia Unita e Navalny, Azione prepara mozione

Ma il Carroccio ribatte: “Fase politica chiusa” Roma,...

Gli italiani scommettono su Meloni: fiducia al 53,3%. I dati del primo sondaggio post incarico

PoliticaGli italiani scommettono su Meloni: fiducia al 53,3%. I dati del primo sondaggio post incarico

di Marta Tartarini e Antonio Bravetti

ROMA – La maggioranza degli italiani scommette sulla prima premier donna. Il 53,3% ha fiducia in Giorgia Meloni, solo il 34,7% invece non si fida. È quanto emerge dal sondaggio Dire-Tecnè realizzato il 21 ottobre su un campione di mille persone. Il 12% non si esprime. Alla domanda più generale sul governo la fiducia scende al 50,4%, con un 36,7% che non si fida dell’esecutivo e un 12,9% che non si esprime. È quanto emerge dal sondaggio Dire-Tecnè realizzato il 21 ottobre su un campione di mille persone.

DIRE-TECNÈ: PER 56,4% GOVERNO DURA TUTTA LEGISLATURA

Gli italiani pensano che il governo a guida Giorgia Meloni sarà duraturo. Per il 56,4% degli italiani durerà tutta la legislatura, per il 32,1% cadrà prima di 5 anni, l’11,5% non sa.

DIRE-TECNÈ: FDI IN VETTA, PD CALA RISPETTO AL VOTO

Fratelli d’Italia si conferma il primo partito italiano, in crescita anche dopo le politiche del 25 settembre, attestandosi al 28% con un +2% rispetto alle urne. Scende la Lega, sale il M5S. Il Carroccio perde lo 0,4 scendendo all’8,4%, il Pd è al 17,5% con un -1,6% rispetto al voto, il partito di Conte è al 16,6% aumentando dell’1,2%. Forza Italia è al 7,6% con un -0,5. Tra i piccoli cala Azione/Italia Viva (-0,2) al 7,6%, Europa Verde è stabile al 3,6, +Europa perdo lo 0,1% con il 2,7, Italexit è al 1,8% (-0,1).

DIRE-TECNÈ: PD NON CAMBI NOME E GUARDI A M5S

Il Pd non deve cambiare nome e deve guardare più al Movimento 5 stelle che al terzo polo di Azione e Italia Viva. È quanto emerge dal sondaggio Dire-Tecnè realizzato il 21 ottobre su 400 persone che lo scorso 25 settembre hanno votato Pd. Per l’85% degli intervistati il nome deve restare quello di Partito democratico, mentre per il 10% deve cambiare. Un 5% non sa. Il 43% degli elettori chiede di lavorare a una alleanza con i Cinquestelle; il 35% preferisce Azione-Iv. Il 22% non sa.

DIRE-TECNÈ: SFIDA BONACCINI-SCHLEIN PER IL PD

È una sfida da Stefano Bonaccini ed Elly Schlein per la segreteria del Pd. Per il dopo Enrico Letta gli intervistati preferiscono Bonaccini (23%), Schlein (20), Nardella (11), De Micheli (8), Amendola (5), Ricci (4), altri candidati (3). Il 26% ancora non sa.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Gli italiani scommettono su Meloni: fiducia al 53,3%. I dati del primo sondaggio post incarico proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles