domenica, 25 Febbraio , 24

A Roma tutti col nastro arancione per Leone e i diritti degli animali

La mobilitazione che chiede l’introduzione di pene...

Osimhen non basta, il Napoli a Cagliari fa 1-1

Il nigeriano segna al 66′. Pareggio beffa...

Musica Classica: Gianandrea Noseda torna nella sua Milano, alla Scala

Con National Symphony Orchestra, programma strepitoso e...

Ucraina, Zelensky: proposta di pace alla Russia prima della conferenza in Svizzera (a primavera)

Presidente ucraino “certo” degli aiuti statunitensi Roma, 25...

Editoria, il CdR della Dire: “Adesione totale allo sciopero, ritirare i licenziamenti”

PoliticaEditoria, il CdR della Dire: “Adesione totale allo sciopero, ritirare i licenziamenti”

ROMA – Adesione totale dei giornalisti e delle giornaliste dell’Agenzia Dire allo sciopero di mercoledì 27 settembre, indetto dall’assemblea dei redattori per protestare contro la procedura di licenziamento collettivo aperta dall’azienda, che prevede un piano di 28 esuberi, di cui 15 giornalisti e 13 grafici. I giornalisti della Dire hanno quindi bloccato per un’intera giornata i notiziari dell’agenzia, mandando un segnale chiaro per chiedere il ritiro immediato della procedura di licenziamento collettivo e dell’azione legale nei confronti della propria rappresentanza sindacale, citata in un procedimento di mediazione con l’accusa di diffamazione per una nota pubblicata a fine luglio sul sito della Slc-Cgil e mai uscita sui notiziari o sul sito dell’Agenzia Dire.

Nonostante la decisione della direzione, contestata dal Comitato di Redazione, di rimuovere dopo 24 ore dal sito dell’agenzia la nota diffusa al termine dell’assemblea, i redattori della Dire proseguono con lo stato di agitazione sindacale, lo sciopero delle firme e sono pronti a tornare ad incrociare le braccia, avendo votato un pacchetto di 5 giorni di sciopero affidato al CdR.

Il Comitato di Redazione, che ritiene inaccettabili e illegittimi i licenziamenti, ricorda inoltre come questo procedimento arrivi dopo quasi due anni di contratto di solidarietà, in cui i giornalisti hanno sacrificato una cospicua parte del loro stipendio per la salvaguardia dei livelli occupazionali. Sacrifici resi ancora più importanti da pagamenti a singhiozzo degli stipendi, liquidati nell’ultimo anno quasi sempre in due soluzioni. La scelta di procedere con i licenziamenti a pochi mesi dall’entrata in vigore della riforma del sistema delle agenzie stampa risulta inoltre, come sottolineato dalle diverse associazioni di stampa territoriale che seguono la vertenza, incomprensibile e incoerente.

L’articolo Editoria, il CdR della Dire: “Adesione totale allo sciopero, ritirare i licenziamenti” proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles