mercoledì, 19 Giugno , 24

Nessun accordo, seduta fiume Camera fino a ok finale ad Autonomia

Protestano le opposizioni: “Vergogna, forzatura inaccettabile” Roma, 18...

Schlein in piazza con Conte Avs e Più Europa: “unità, unità”

“No a Premierato e Autonomia, non lasceremo...

Testo premierato già pronto a cambiare. Nodi sono tempi e referendum

Fdi ragiona su aperture verso l’opposizione. Dossier...

“E’ venuta fuori una cosa pazzesca”: lo youtuber Michele Molteni primo in tendenza

Attualità"E' venuta fuori una cosa pazzesca": lo youtuber Michele Molteni primo in tendenza

Il nuovo video continua a volare con tantissime visualizzazioni

Roma, 29 nov. (askanews) – Primo in tendenza su Youtube. Il nuovo video di Michele Molteni, youtuber di successo, continua a volare con tantissime visualizzazioni: oltre 100 mila visualizzazioni in un’ora dalla pubblicazione, ma poi aumentano passo dopo passo. Michele Molteni costruisce una casa sull’albero e l’episodio su Youtube piace tantissimo al pubblico. Lui annuncia tutto così: “Signori e signore, ho finito di costruire LA CASA SULL’ALBERO! Vi assicuro che è venuta fuori una cosa PAZZESCA! Ho messo tantissimi dettagli qua e la e non vedo l’ora di sapere cosa ne pensate!”

Un titolo molto curioso per raccontare l’ultima trovata. Michele Molteni è uno youtuber di successo, seguito da milioni di persone. La sua genialità e la sua perseveranza lo stanno premiando. La sua storia è bellissima, fatta di impegno e tanti successi. Michele Molteni è un imprenditore che vive in provincia di Lecco, a Costa Masnaga. Ha 33 anni. Nella sua vita precedente a quella da youtuber si occupava di vendita e noleggio di articoli sportivi. “Ero partito vendendo un calcio balilla per arrivare a fatturare 180mila euro all’anno, ma a causa dei vari periodi di lockdown il fatturato era precipitato a 15mila euro. Non essendoci eventi, nessuno noleggiava più”, aveva raccontato a Fanpage. “Ad aprile 2020 il canale è decollato con 60mila iscritti e un introito di qualche migliaia di euro. In quel momento ho capito che poteva diventare un lavoro e ci ho creduto”.

Di Rudy Cifarelli

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles