domenica, 25 Febbraio , 24

Osimhen non basta, il Napoli a Cagliari fa 1-1

Il nigeriano segna al 66′. Pareggio beffa...

Musica Classica: Gianandrea Noseda torna nella sua Milano, alla Scala

Con National Symphony Orchestra, programma strepitoso e...

Ucraina, Zelensky: proposta di pace alla Russia prima della conferenza in Svizzera (a primavera)

Presidente ucraino “certo” degli aiuti statunitensi Roma, 25...

Xiaomi lancia a Barcellona la nuova serie di smartphone Xiaomi 14

Comparto fotografico di livello professionale con obiettivi...

De Martino a Belve rompe il silenzio su Belen: “Divorziato? Forse”

Dall'Italia e dal MondoDe Martino a Belve rompe il silenzio su Belen: “Divorziato? Forse”

(Adnkronos) – Stefano De Martino oggi, martedì 26 settembre, nella prima puntata di Belve 2023 su Rai 2 rompe il silenzio su Belen e il suo matrimonio rispondendo ad una domanda di Francesca Fagnani. “Ha capito se è divorziato?” lo stuzzica Francesca Fagnani nel programma di questa sera Belve alle 21.20 su Rai2, con ospiti tra gli altri anche Fabrizio Corona e Arisa. “Forse sono ri-divorziato” scherza De Martino, aggiungendo di non conoscere “il suo stato civile al momento”. “Voi fate domanda di divorzio e, poi, decade. Ricominciate così tutto da zero” gli fa notare la Fagnani. “Il mio matrimonio non è finito per un tradimento” precisa parlando del suo rapporto con la showgirl argentina. “Io non sono uno stinco di santo ma credo nell’esclusività dei sentimenti”.  

 

Sulla sua vita professionale, De Martino racconta dell’ambizione che lo muove e di una continua ricerca di nuove sfide: “Con l’età mi piacerebbe spostarmi su altri generi, anche se adesso l’intrattenimento mi diverte molto”. E all’idea di poter essere il prossimo conduttore del Festival di Sanremo, commenta: “È molto presto quindi prego che non me lo chiedano, perché farei fatica a dire di no: ho sempre detto che per fare Sanremo ci vuole qualche capello bianco”. 

La conversazione con Francesca Fagnani tocca diversi temi, compresa la sua infanzia a Torre Annunziata, prima del successo: “Vivevo in un quartiere ruspante: nel palazzo non c’era il portone, a terra c’erano le siringhe. Ma è più facile farcela partendo in salita” spiega. “Il disagio è la condizione migliore per far sì che accada qualcosa di meglio” conclude. 

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles