giovedì, 29 Febbraio , 24

Putin all’Occidente: le nostre armi possono colpirvi

“Pensano all’Ucraina come un cartone animato, così...

Restauro habitati marini, al via mappatura della costa italiana

Ispra: con Marine Ecosystem Restoration valorizziamo Mediterraneo Milano,...

Lilt Roma, serata di beneficenza dedicata ad Andrea Leofreddi

Al Teatro7 con lo spettacolo di Michele...

Covid, ISS: cala incidenza contagi e trasmissibilità, Rt stabile

AttualitàCovid, ISS: cala incidenza contagi e trasmissibilità, Rt stabile

Terapie intensive ferme al 2,4%, salgono ricoveri in reparti: +1%
Milano, 21 ott. (askanews) – I dati del monitoraggio settimanale della Cabina di regia sul Covid-19 diffusi oggi dall’Istituto superiore di Sanità evidenziano un calo dell’incidenza dei contagi a livello nazionale: 448 ogni 100mila abitanti nella settimana dal 14 al 20 ottobre contro i 504 dei sette giorni precedenti. Nel periodo 28 settembre-11 ottobre, rispetto alla settimana precedente, è invece stabile l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici (1,27, range 1,19-1,39) e superiore al valore soglia. Diminuisce leggermente l’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero ma si trova ancora oltre la soglia epidemica: Rt=1,09 (1,06-1,13) al 11 ottobre, contro Rt=1,20 (1,17-1,24) al 4 ottobre Al 20 ottobre, il tasso di occupazione in terapia intensiva al è al 2,4%, identico a quello registrato sette giorni prima, mentre sale il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale che arriva all’11% rispetto al 10% certificato il 13 ottobre. Tre Regioni/PPAA sono classificate a rischio alto, tutte e tre per la presenza di molteplici allerte di resilienza, mentre altre 16 sono a rischio moderato e due classificate a rischio basso. Dieci Regioni/PPAA riportano almeno una allerta di resilienza e tre riportano molteplici allerte di resilienza. La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è stabile rispetto alla settimana precedente (10,5% contro 11%), così come la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (54,7% contro 54%) e quella dei casi diagnosticati attraverso attività di screening (35% contro 35%). continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles