mercoledì, 21 Febbraio , 24

Acri: Giovanni Azzone (Fondazione Cariplo) è il nuovo presidente

Sostituisce Francesco Profumo per il completamento del...

Efsa: con meno antibiotici in animali meno batteri resistenti

Indagine di 3 agenzie: possibile invertire antibiotico-resistenza Roma,...

Audioboost si presenta a community italiana investitori a Los Angeles

I risultati del progetto pilota all’interno del...

Caso navigator, i sindacati: “La ministra Calderone ci incontri, siamo pronti alla piazza”

PoliticaCaso navigator, i sindacati: “La ministra Calderone ci incontri, siamo pronti alla piazza”

ROMA – “In questo lungo fine settimana si è consumata l’ennesima beffa ai danni dei quasi 1.500 Navigator, collaboratori di Anpal Servizi, che negli ultimi tre anni si sono fatti carico di un’utenza particolarmente fragile. Dopo che il 28 ottobre scorso una circolare del ministero del Lavoro, rivolta alle Regioni, aveva aperto un piccolo spiraglio da noi accolto positivamente, nella giornata di ieri è arrivata la doccia fredda per i 958 lavoratori in scadenza al 31 ottobre (cui vanno aggiunti i 538 rimasti a casa già tra la fine di aprile e quella di luglio): nessuna proroga per queste professionalità”. Così in una nota di FeLSA Cisl NIdiL Cgil e UilTemp sulla comunicazione del ministero guidato da Marina Calderone, che ha specificato che la proroga dei contratti “non è tecnicamente possibile”.

LEGGI ANCHE: Il ministero del Lavoro: “I contratti degli ex navigator non sono prorogabili”

“Siamo rimasti innanzitutto estremamente stupiti dal fatto che tale notizia sia stata affidata ad un comunicato, quando è rimasta ancora inevasa la nostra richiesta di incontro alla neo-ministra proprio per scandagliare tutte le possibili soluzioni – spiegano i sindacati – Nel merito, poi, se è vero che lo strumento della proroga prevede la continuità lavorativa ormai persa, nulla impedisce una ricontrattualizzazione dei lavoratori, come peraltro già avvenuto pochi mesi orsono”.

“Al di là degli aspetti tecnici, le scelte per il bene del Paese devono essere supportate da una ferma volontà politica. Nelle condizioni in cui versa il nostro mercato del lavoro, non possiamo assolutamente pensare di poter interrompere questa esperienza se si vogliono realmente traguardare gli obiettivi fissati dal Pnrr”, rimarcano i sindacati.

Oggi, “insieme alle confederazioni Cgil Cisl Uil abbiamo quindi inviato una ulteriore richiesta di incontro e di chiarimento alla ministra Calderone nell’obiettivo di dare risposte concrete alla collettività. In assenza di riscontri, i lavoratori saranno nuovamente in piazza nei prossimi giorni per rivendicare il loro diritto alla continuità occupazionale e alla valorizzazione delle loro competenze”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Caso navigator, i sindacati: “La ministra Calderone ci incontri, siamo pronti alla piazza” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles