domenica, 21 Aprile , 24

Autonomia, A.Fontana: pronti a presentare richieste Lombardia

Superata la procedura parlamentare tempi abbastanza ristretti Bergamo,...

Design Week, Rotelli consegna una sua opera al Nobel Valentini

Progetto per Bertolotto, premiati anche Sgaraglia e...

Caso Julia Elle, lo sfogo dell’influencer: “Ho mentito, ho sbagliato, ma basta odio”

MondoCaso Julia Elle, lo sfogo dell’influencer: “Ho mentito, ho sbagliato, ma basta odio”

BOLOGNA – “Ho mentito, ho sbagliato, ma basta odio“. Julia Elle, l’influencer diventata famosa con la pagina ‘Disperatamente mamma’, dopo giorni di silenzio sull’ormai nota vicenda che l’ha portata al centro di molte polemiche dopo che sono emerse alcune bugie raccontate dalla 34enne sulla sua vita privata, si lascia andare ad un lungo sfogo. Su Instagram, ma anche su Facebook, posta un lungo post in cui spiega di essere stanca di essere bersagliata di commenti di “odio”. Persone che le scrivono messaggi di insulti, parole odiose, frasi cattive. Una campagna mediatica, spiega, che punta a distruggerla. E stavolta arrivano finalmente anche le scuse, quelle scuse che tanti follower dallo scoppio della vicenda avevano aspettato invano. Julia Elle dice “ho sbagliato” e dice “vi chiedo scusa”. Poi condanna l’odio che la sta circondando, per difendere se stessa in questa occasione ma anche per far cessare questa spirale e dire che di questo tipo di odio non ce ne deve essere più, verso di lei come verso chiunque altro.

LEGGI ANCHE: Dopo la bufera Julia Elle sceglie di tacere: “Gestirò la mia vita privata offline”

“UNA CONDANNA MEDIATICA CREATA PER DISTRUGGERMI”

Scrive Julia Elle: “Oggi tocca a me, ma qualcuno finisce per ammazzarsi davvero, per questo io ho scelto di parlarne e dire basta. Io ho sbagliato, ho mentito, credevo di proteggere i miei figli pubblicamente dalla loro storia inventandone una più semplice, quando avrei dovuto tacere. Mi dispiace, vi chiedo scusa, ho sbagliato, se tornassi indietro direi “dei padri dei miei figli non parlerò mai”. Questo però non vale la condanna mediatica che è stata creata ad arte per strumentalizzarmi e distruggermi. Perché sono una persona e sono stanca di combattere l’odio in silenzio, voglio parlarne, sono umana e ho bisogno del vostro affetto per affrontare tutto quello che sta accadendo nella mia vita. Ho bisogno di sapere che non sono sola”.

LEGGI ANCHE: Julia Elle e i follower in caduta libera: – 12 mila in pochi giorni. E lei promette: “Saprete la verità”

IL TENTATIVO DI RIPARTIRE TRA HAMBURGER E FOTO DI PENNE

Cosa era successo nei giorni scorsi? Dopo l’annuncio di non avere più intenzione di parlare della vicenda sui social e di far rimanere privata la parte della sua vita riguardante l’ex compagno, il padre di Chris e le presunte violenze denunciate a sorpresa in una storia su Instagram ormai un mese fa, Julia Elle aveva tentato di voltare pagina. E di ripartire, sui social, cercando di passare oltre la bufera e vestendosi di una parvenza di (tentata) normalità. A volte riuscendoci, a volte apparendo inevitabilmente forzata. La trasferta a Milano (in realtà per andare dagli avvocati di cui ha fatto trapelare il nome attraverso la foto di una penna in primo piano), i bei vestiti, i lavoretti coi bambini il sabato mattina, le foto dei piatti cucinati per i bambini (tra cui anche degli appetitosi hamburger probabilmente per rispondere alle accuse di crescere i bambini vegani fatte dal suo ex compagno intervistato da Selvaggia Lucarelli). E ancora i film tutti insieme sotto il plaid la sera, il raffreddore, l’albero di Natale (fatto in circostanze un po’ anomale, a dir la verità, per una maniaca delle feste in famiglia, dal momento che mentre facevano l’albero lei girava in sala agitando l’aspirapolvere per dichiarare guerra allo spargimento di aghi di pini), la cioccolata calda per merenda, la piccola Chiara che gioca per casa.

LEGGI ANCHE: Ex violento o vita da Mulino bianco? È bufera su Julia Elle (Disperatamente mamma)

I FOLLOWER CHE SONO CONTINUATI A DIMINUIRE

Il mormorio, intanto, soprattutto su Twitter, era continuato. Le accuse di falsità continuavano a girare, insieme all’hashtag #disperatamentefalsa, e i follower a scendere. Oggi sono 629 mila, quando è scoppiata la bufera Julia Elle ne aveva più di 651 mila. Ha perso 22.000 follower in un mese. Julia aveva provato a ignorare, a rivestirsi di normalità. Si era lasciata andare a qualche commento piccato, rispondendo a qualche commento su Instagram. Aveva fatto sapere che a cancellare i commenti negativi non era lei ma l’algoritmo di Instagram pensato per combattere il cyberbullismo e gli account fake. Aveva postato una foto-beffa, con un bigliettino che ingrandito riportava la scritta ‘scemo chi legge’ per rispondere alle accuse ricevute dopo aver postato la foto della penna dello studio legale Bernardini De Pace. Ma aveva retto. Si era chiusa occhi e orecchie ed era andata avanti, proponendo contenuti più o meno credibili a seconda dei giorni. Oggi, però, si vede che ha deciso che la misura era colma. Ha detto ‘basta’ e ha deciso di metterla nero su bianco sui social.

LEGGI ANCHE: Julia Elle in diretta disattiva i commenti e ai follower dice: “Ci sarà una sentenza”

JULIA ELLE A FACCIA A FACCIA CON L’ODIO

Il suo post inizia così: “C’è qualcosa a cui penso da giorni, l’odio. Così ingombrante, spietato, diffuso. L’ho giudicato l’odio, l’ho allontanato prima di riconoscerlo e forse l’ho capito. Perché la domanda che mi tormentava in questi giorni era ‘come si può?’, ‘come si gioisce della sofferenza?’, ‘Come si può fare di tutto per vedere l’altro soccombere?’, ‘perché distruggere qualcuno può diventare il senso che si vuole dare alla propria vita?’.

E prosegue: “Quando odi qualcuno ci pensi sempre, diventa una sorta di ossessione, ti porta a fare cose che non faresti per nessuno, quella persona diventa importante, così importante da occupare tutto lo spazio che c’è, e più è grande quello spazio più l’odio serve per colmare un vuoto. Si, il vuoto, quel vuoto angosciante che per colmare ci vuole coraggio, ma non solo, ci vogliono degli strumenti che non tutti hanno. Così ho capito che quell’odio che tanto mi spaventa è anche utile, non a chi lo subisce sia chiaro, ma a chi lo porta nel mondo. Serve a non sprofondare nell’ abisso della propria esistenza, serve a guardare l’altro per non guardarsi continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles