domenica, 21 Luglio , 24

M.O., Netanyahu: raid in Yemen “risposta” ad attacco Houthi a Tel Aviv

Premier israeliano: Houthi “parte dell’asse del male...

Vino, Les Grands Chais de France raddoppia vendite Cremant in Italia

In primo semestre 2024 già vendute 200mila...

Carmine Padula, oltre la colonna sonora

Lunedì 22 luglio, alle ore 21,30, i...

Vino, Castello Del Terriccio partner di “Una montagna di libri”

Il 4 agosto a Cortina conversazione sul...

Calì (commercialisti): Salvaguardare l’autonomia gestionale e l’equilibrio finanziario delle Casse di previdenza

AttualitàCalì (commercialisti): Salvaguardare l’autonomia gestionale e l’equilibrio finanziario delle Casse di previdenza

ROMA – “Salvaguardare l’autonomia gestionale e l’equilibrio finanziario delle Casse di previdenza è una necessità, soprattutto in virtù del particolare periodo storico che sta attraversando l’Italia, caratterizzato da una forte crisi economica e sociale.

Le Casse svolgono un’attività assistenziale imprescindibile, basti pensare all’incremento delle prestazioni erogate dalla Cassa Dottori Commercialisti nel biennio caratterizzato dalla pandemia (2020-21): più 42,5 per cento rispetto al biennio precedente, passando da 15,3 a 21,8 milioni annui.

È incrementata anche la riserva patrimoniale per fini assistenziali dell’ente, addirittura del 66,3 per cento, da 47,5 del 2019 a 79 milioni alla fine del 2021”.

Lo ha affermato Giovanni Calì, presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma, aprendo il convegno “La Cassa incontra gli iscritti”, organizzato dall’Odcec romano in collaborazione con Cassa Dottori Commercialisti.

“Un patrimonio – ha commentato Stefano Distilli, presidente di Cassa Dottori Commercialisti – che, nonostante le difficoltà attuali dei mercati finanziari, si mantiene in salute grazie non solo ai contributi che tutti noi versiamo, ma anche come risultato di una gestione oculata e responsabile delle risorse che devono garantire assistenza e pensioni adeguate per tutti gli iscritti.

Proprio per questo – prosegue Distilli – l’auspicio è che il nuovo governo si dimostri sensibile rispetto ad alcune questioni che da tempo vengono poste all’attenzione, come la tassazione del 26% dei rendimenti finanziari, come fossimo investitori speculativi, e come il raddoppio del contributo integrativo del 4% a carico dei colleghi che operano attraverso le Società tra professionisti (Stp), dal momento che come dimostrano i dati i redditi di chi lavora in modo aggregato sono notevolmente più elevati rispetto a chi lavora individualmente”.

L’articolo Calì (commercialisti): Salvaguardare l’autonomia gestionale e l’equilibrio finanziario delle Casse di previdenza proviene da Notiziedi.

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles