lunedì, 22 Luglio , 24

Joe Biden si è ritirato dalla corsa presidenziale

Endorsement a Kamala HarrisRoma, 21 lug. (askanews)...

Biennale Danza, consegnati i Leoni e Caprioli e Harrell

La cerimonia nella sede di Ca’ Giustinian Venezia,...

Due identificati per l’aggressione a Joly, Piantedosi: grato alla Questura

“La loro posizione al vaglio dell’Autorità Giudiziaria” Roma,...

Allerta gialla in 10 Regioni per piogge e temporali al Sud

Nel corso della giornata di lunedì. Allerta...

Bucarest, mostra “Universo Olivetti. Comunità come utopia concreta”

AttualitàBucarest, mostra "Universo Olivetti. Comunità come utopia concreta"

Roma, 31 gen. (askanews) – L’Istituto Italiano di Cultura di Bucarest inaugura sabato presso la Biblioteca Nazionale della Romania la mostra “Universo Olivetti. Comunità come utopia concreta”.

La mostra racconta i grandi temi e la cultura alla base dell’impresa olivettiana, restituendone tutto lo spessore etico e la grande attualità, attraverso una serie di oggetti e di materiali d’archivio.

La mostra “Universo Olivetti. Comunità come utopia concreta”, a cura di Pippo Ciorra, Francesca Limana e Matilde Trevisani, racconta il progetto olivettiano in tutti i suoi aspetti, dimensioni e complessità, attraverso quattro sezioni tematiche: Fabbrica, Cultura e Immagine, Città e Politica, Società.

Una galleria di grafiche, documenti d’archivio, riproduzioni e rivisitazioni fotografiche, invita a tornare a ragionare sulla stringente attualità di una figura come quella di Adriano Olivetti. Il suo modello d’impresa unico e innovativo è costituito tra gli anni Trenta e Sessanta del Novecento attorno a Ivrea, città recentemente iscritta nella Lista del Patrimonio UNESCO.

La mostra permette al pubblico di accedere ai grandi temi che ruotano attorno all’impresa olivettiana: il progetto industriale, l’attenzione al territorio, i servizi culturali, il welfare, la responsabilità sociale e la pianificazione urbanistica; un modello di azione imprenditoriale che appare ancora oggi, sotto ogni punto di vista, avanguardistico e esemplare.

Realizzata dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI), in collaborazione con la Fondazione MAXXI e la Fondazione Adriano Olivetti, la mostra ha fatto tappa in diversi Istituti Italiani di Cultura del mondo.

Tra gli anni Trenta e gli anni Sessanta del Novecento, Adriano Olivetti realizza attraverso la fabbrica di Ivrea e l’iniziativa culturale e politica del Movimento Comunità da lui fondato, l’ideale di un paesaggio visionario in cui la modernizzazione industriale e tecnica si affianca a un’innovativa riorganizzazione del territorio e dello spazio sociale.

Ivrea e il Canavese diventano così un laboratorio in cui cultura, ricerca tecnologica, design, architettura e sostenibilità si integrano in un modello di rapporto unico e innovativo tra impresa e società, ancora oggi considerato esemplare.

Organizzata nelle quattro sezioni tematiche Città e Politica, Fabbrica, Cultura e Immagine, Società, l’esposizione ripercorre la storia di un’impresa italiana che ha attraversato quasi un secolo, condensando i grandi temi del Novecento e diventando espressione del miglior made in Italy. Innovazione, qualità dei prodotti e sviluppo dell’azienda nei mercati internazionali affiancano l’eccellenza dell’architettura e del design industriale.

Il tutto concorre a un’instancabile progettualità applicata alle problematiche sociali del lavoro e del rapporto tra impresa e territorio e, infine, tradotta in un progetto politico-urbanistico complessivo. Nell’universo Olivetti la fabbrica è il motore del progetto di riforma di Adriano Olivetti, che è insieme imprenditoriale, politico, culturale e sociale.

Per costruire la sua Comunità Adriano raccoglie intorno a sé le intelligenze migliori dell’Italia del dopoguerra: architetti, filosofi, designer, intellettuali e ingegneri portano l’azienda, già a metà degli anni Cinquanta, a definire da un lato uno “stile” olivettiano e dall’altro a muovere i primi pionieristici passi verso lo sviluppo dell’elettronica e quindi dell’informatica con il primo personal computer.

Tra i primi a intuire le potenzialità ci sono gli scienziati della NASA che lo utilizzano per compilare le mappe lunari ed elaborare la traiettoria del viaggio della missione Apollo 11, che nel 1969 portò l’uomo sulla luna.

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles