mercoledì, 24 Luglio , 24

Confermato il taglio dei vitalizi per gli ex deputati

Risparmio di oltre 15 milioni Roma, 24 lug....

Vino, evento a Londra per Consorzio del Morellino di Scansano Docg

Presentato il cocktail a base Morellino “ReWine” Milano,...

Affondo Mattarella: atti contro libera informazione sono eversivi

Presidente riceve stampa parlamentare: “Documentare realtà senza...

Auto, Acea: crescono elettriche e ibride, ma benzina e diesel dominano

AttualitàAuto, Acea: crescono elettriche e ibride, ma benzina e diesel dominano

In III trim quote mercato rispettivamente 11,9%, 22,6% e 54,3%
Milano, 2 nov. (askanews) – Cresce la quota di mercato dei veicoli elettrici (Bev) e plug-in (Phev) in Europa nel terzo trimestre 2022. Secondo i dati diffusi da Acea i Bev rappresentano l’11,9% del totale delle immatricolazioni di autovetture nell’Ue (in aumento rispetto al 9,8% nel terzo trimestre del 2021). Anche i veicoli elettrici ibridi hanno guadagnato quote di mercato e rappresentano il 22,6% delle vendite (dal 21,2% nel terzo trimestre del 2021). Nonostante la perdita di quote di mercato, i veicoli diesel e benzina continuano a dominare il mercato, con una quota combinata del 54,3%. Da luglio a settembre, le immatricolazioni di auto a benzina nell’Ue sono diminuite del 3,3%, a 823.360 unità, pari a una quota di mercato del 37,8% (39,3% nel terzo trimestre del 2021) che fanno della benzina la tipologia di alimentazione più diffusa. Le vendite di auto diesel sono diminuite del 4,7% a 360.596 unità, mentre la quota di mercato è scesa di quasi 1 punto percentuale al 16,5%. Durante il terzo trimestre del 2022, i veicoli elettrici a batteria (Bev) hanno registrato la crescita più forte di tutti i tipi di alimentazione (+22%), con 259.449 unità immatricolate in tutta l’Ue. Ad eccezione di Danimarca (-2,6%) e Italia (-35%), tutti i mercati della regione hanno contribuito alla performance positiva. Le immatricolazioni di veicoli elettrici ibridi plug-in (Phev), invece, sono diminuite del 6% nel terzo trimestre dell’anno, con tutti i maggiori mercati in perdita. Italia e Francia hanno entrambe registrato cali a doppia cifra (-22,2% e -14,3% rispettivamente), mentre Germania e Spagna hanno registrato cali più contenuti (-0,9% e -1,0%). A causa di questa performance negativa, i Phev hanno perso quote di mercato rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e rappresentano ora l’8,5% del totale delle immatricolazioni di auto. Con 492.011 unità vendute da luglio a settembre, le vendite di veicoli elettrici ibridi (Hev) sono aumentate del 6,9%. La loro quota di mercato è aumentata di 1,3 punti percentuali, rappresentando il 22,6% del mercato totale. Tra i principali mercati della regione, solo la Germania ha registrato un calo (-1,5%). L’Italia ha registrato l’aumento più forte (+20,8%), seguita da Francia (+15,6%) e Spagna (+11,3%). Le immatricolazioni di veicoli a gas naturale (Gnv) nell’UE hanno subito un’altra perdita a doppia cifra (-52,4%), in gran parte a causa del forte calo in Italia (-71,2%), il mercato più grande della regione, che rappresenta oltre il 40% del totale delle immatricolazioni. Di conseguenza, la quota di mercato dei veicoli a metano si è dimezzata durante il terzo trimestre del 2022 rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Le vendite di auto a Gpl sono diminuite del 9,5%, raggiungendo le 55.418 unità, in quanto i due maggiori mercati per questo tipo di carburante hanno subito cali: Francia (-14,9%) e Italia (-3,1%). continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles