lunedì, 22 Luglio , 24

Joe Biden si è ritirato dalla corsa presidenziale

Endorsement a Kamala HarrisRoma, 21 lug. (askanews)...

Biennale Danza, consegnati i Leoni e Caprioli e Harrell

La cerimonia nella sede di Ca’ Giustinian Venezia,...

Due identificati per l’aggressione a Joly, Piantedosi: grato alla Questura

“La loro posizione al vaglio dell’Autorità Giudiziaria” Roma,...

Allerta gialla in 10 Regioni per piogge e temporali al Sud

Nel corso della giornata di lunedì. Allerta...

Agricoltura, Enrico Calentini nuovo presidente di Agia-Cia

AttualitàAgricoltura, Enrico Calentini nuovo presidente di Agia-Cia

Imprenditore agricolo nel settore ortofrutticolo a Francavilla al Mare
Milano, 3 nov. (askanews) – Enrico Calentini è il nuovo presidente di Agia, l’associazione dei giovani imprenditori agricoli di Cia-Agricoltori Italiani. La nomina all’unanimità in occasione dell’assemblea elettiva straordinaria con i delegati dei 41 mila iscritti di Agia-Cia. Imprenditore agricolo nel settore ortofrutticolo, della trasformazione e dell’ospitalità a Francavilla al Mare, in provincia di Chieti, succede a Stefano Francia alla guida di Agia-Cia dal 2018 e ora presidente di Cia Emilia-Romagna. In Agia-Cia, Calentini, già vicepresidente dallo scorso anno, è entrato nel 2015 scelto per il gruppo di Dialogo civile “Spirits” in rappresentanza del Ceja, il Consiglio europeo dei giovani agricoltori, di cui dal 2018 fa parte in qualità di delegato Agia-Cia. A livello locale, è stato presidente provinciale Agia-Cia Chieti-Pescara e, oggi, è vicepresidente Agia-Cia Abruzzo. “Continuità, all’insegna della crescita e della formazione, è il primo tassello imprescindibile del nuovo corso associativo che sono onorato di rappresentare – ha commentato Enrico Calentini -Con una squadra che si arricchisce anche di nuovi giovani, ereditiamo un percorso importante segnato da tante conquiste, e tracciato in uno dei periodi più complessi per il Paese che l’associazione abbia mai dovuto affrontare nella sua storia. Ne ho condivise moltissime tappe e sento la responsabilità del ruolo che mi si affida, come anche l’entusiasmo per la grande sfida che vede, in Italia e in Europa, i giovani imprenditori agricoli artefici della transizione green e digitale”. Per questo, è al binomio Pac e giovani che il congresso ha dedicato la sua sessione pubblica, con esperti e tecnici, rappresentanti e dirigenti delle istituzioni italiane e del Parlamento Ue. Imperativo, infatti, è per Agia-Cia, sollecitare politiche nazionali ed europee più rapide e incisive, a cominciare dalla Pac 2023-2027, per agevolare il ricambio generazionale in agricoltura, settore che negli ultimi 10 anni, dati Istat alla mano, ha perso circa il 20% delle aziende guidate da under 35. Più di 56 mila imprese che, però, crescono per ettari (18,3 di Sau per azienda contro i 10,7), sono più orientate al mercato, propense all’innovazione (il 24,4% ha fatto almeno un investimento innovativo tra il 2018 e il 2020, a fronte del 9,7% dei non giovani) e il cui livello di digitalizzazione è il doppio dell’agricoltura nel complesso. Un potenziale da blindare, secondo Agia-Cia, di fronte alle pressioni della crisi economica in atto e da incentivare, da una parte viste le ambizioni europee per la sostenibilità e, dall’altra, tenuto conto del rischio spopolamento delle aree rurali del Paese che sono il 60% dell’intera superficie nazionale. Strategici dovranno allora dimostrarsi gli strumenti previsti dalla nuova Pac, nel I e II Pilastro, per attirare e sostenere i giovani agricoltori, e la politica agraria nazionale attraverso incentivi tributari, accesso alla terra, contributi agli investimenti, accesso alla conoscenza, politiche fiscali e regionali di sviluppo rurale. Strategiche continueranno a essere, a tal fine, le azioni di rappresentanza di Agia-Cia affinché si concretizzi il processo di affiancamento giovani-anziani, ancora fortemente presenti nel tessuto produttivo, e si intensifichi cioè la cooperazione tra generazioni. Fondamentale sarà il rafforzamento dei rapporti tra giovani imprenditori agricoli e studenti di Istituti Agrari e Università. Infine, perché le nuove tecnologie, dalla robotica alla sensoristica, arrivino in campo a servizio delle imprese, studiando con big player della meccanizzazione, soluzioni hi-tech adatte a un’agricoltura chiamata alla resilienza e alla sostenibilità. continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles