martedì, 16 Aprile , 24

Vino, assegnato a Vinitaly il 51esimo “Premio Angelo Betti”

Tra i Benemeriti della vitivinicoltura c’è anche...

Forza Italia frena sull’Autonomia, tensione con la Lega

Pioggia di emendamenti in Commissione alla Camera....

Ponte Stretto,Schlein a Salvini:anche Pichetto è nemico Italia?

Ministero dice quello che abbiamo denunciato noi...

CA Auto Bank partner finanziario di Dongfeng Italia

In vista del debutto sul mercato con...

A Bologna gli ucraini in piazza sotto la pioggia: “Non lasciateci soli”

PoliticaA Bologna gli ucraini in piazza sotto la pioggia: “Non lasciateci soli”

Bandiere nazionali gialle e blu, un grande vessillo dell’Europa, canzoni ucraine e cartelli “stop Putin”: manifestazione sotto la pioggia, oggi pomeriggio a Bologna, per esprimere solidarietà all’Ucraina in guerra con la Russia. “Siamo qua per l’ennesima volta per dare sostegno ai nostri soldati che combattono per la nostra libertà e indipendenza”, afferma Irina Tarnovetska della comunità ucraina di Bologna. “Ho due fratelli che combattono lì e ne sono fierissima. Prego tutto il giorno per loro e per tutti i soldati. Speriamo arrivi questa benedetta vittoria”, continua Tarnovetska.

LEGGI ANCHE: Ucraina, la testimonianza da Leopoli: “Notte al freddo, senza acqua né luce”

IN PIAZZA LA BANDIERA DELL’EUROPA: “VOGLIAMO GUARDARE AL FUTURO”

“Siamo fieri dei nostri uomini, ne siamo orgogliosi e siamo qui per dimostrare loro che non sono soli”, aggiunge. “E vogliamo anche rivolgerci al popolo italiano: non lasciateci soli, stateci vicino- è l’appello di Tarnovetska- e aiutateci come potete, perché si tratta davvero della nostra libertà, siamo stati per tanto tempo sotto il regime sovietico e non vogliamo tornarci più. Vogliamo respirare aria libera e vivere in un Paese democratico, com’è giusto che sia”. In questo senso, la bandiera dell’Ue oggi è in piazza insieme a quelle dell’Ucraina perché “abbiamo chiesto di entrare nella comunità europea, ci sentiamo europei, vogliamo camminare insieme con voi ed essere come voi, europei. Vogliamo guardare verso il meglio e il futuro non al passato”, afferma Tarnovetska.

“DOPO LA LIBERAZIONE DI KHERSON SPERIAMO NELLA VITTORIA”

“Senza l’aiuto dell’America, dell’Inghilterra e dell’Europa non avremmo potuto farcela, ma con la forza dei nostri uomini e il vostro aiuto- conclude la manifestante- stiamo andando avanti e speriamo sempre. Visto che ultimamente è stata liberata anche Kherson, la speranza c’è” e quindi “nel nostro piccolo facciamo tutto il possibile per avvicinare questa vittoria”.

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles