More
    HomeAttualitàIl Fmi alza le stime di crescita, l'Italia sfugge alla recessione

    Il Fmi alza le stime di crescita, l’Italia sfugge alla recessione

    Published on

    Ultimi Articoli

    Lucca Summer Festival: il 4/7 i Generation Sex, prima volta in Italia

    La band di Billy Idol e Tony James con Steve Jones e Paul Cook Roma,...

    L’Archivio storico della Biennale ha acquisito il Fondo Capellini

    Per conservare e valorizzare l’archivio del grande fotografo Milano, 24 mar. (askanews) – L’Archivio Storico...

    Nasce l’Ordine dei Fisioterapisti di Salerno

    Il 25, 26 e 27 marzo si voterà il primo Consiglio Direttivo e del...

    “Esperti a Confronto” all’Ospedale Buonconsiglio Fatebenefratelli

    “Un solo giorno, un solo programma”, è lo slogan di questa iniziativa, infatti il...

    Pil 2023 +0,6%. Alzate anche previsioni globali ma limate su 2024

    Roma, 31 gen. (askanews) – Il Fondo monetario internazionale ha rivisto al rialzo le previsioni di crescita economica globale e dell’Italia di quest’anno, mentre ha ridotto le attese sul 2024. Nel suo aggiornamento al World Economic Outlook, ora il Fmi pronostica una crescita dello 0,6% quest’anno nella Penisola, cui nel 2024 dovrebbe seguire un più 0,9%. Nel caso del 2023 si tratta di 0,8 punti in più rispetto alle precedenti stime, risalenti a ottobre e che soprattutto implicavano una recessione, con il meno 0,2% del Pil italiano. La revisione al rialzo sulla Penisola è la seconda più elevata, assieme a quella della Cina; sul 2024 invece il dato è stato rivisto al ribasso di 0,4 punti percentuali.

    In generale l’istituzione di Washington ha alzato la previsione di crescita globale di quest’anno al 2,9%, ovvero 0,2 punti percentuali in più rispetto a ottobre, mentre sul 2024 stima un più 3,1%, in questo caso 0,1 punti percentuali inferiore alle precedenti indicazioni.

    Secondo il Weo gli Usa dovrebbero crescere dell’1,4% quest’anno e dell’1% il prossimo (anche in questo caso, come in molti altri con una revisione in meglio sul 2023 e una riduzione sul 2024). Sull’eurozona è indicata una espansione dello 0,7% quest’anno e dell’1,6% il prossimo.

    Nonostante la revisione in meglio, dopo una prolungata fase di tagli, la crescita economica prevista per quest’anno resta ben inferiore al 3,8% della media che si è registrata dall’inizio del millennio al 2019, rileva il Fmi. Intanto “i rialzi dei tassi da parte delle Banche centrali contro l’alta inflazione e la guerra della Russia in Ucraina continuano a pesare sull’attività economica”. D’altra parte le riapertura della Cina con la conclusione di lockdown e restrizioni imposte a motivo del Covid “hanno spianato la strada a una ripresa superiore al previsto”, dice il Fmi.

    “Il bilancio dei rischi resta orientato al ribasso ma i rischi avversi si sono moderati dallo scorso ottobre. Sul versante positivo sono plausibili un recupero di domanda in diversi paesi o un calo dell’inflazione più rapido del previsto”. Sui richi di natura opposta potrebbero verificarsi “sviluppi avversi sul fronte sanitario in Cina, che potrebbero frenare la ripresa, la guerra russa in Ucraina potrebbe segnare una escalation e l’inasprimento delle condizioni di finanziamento globali potrebbero peggiorare le difficoltà a onorare i debiti”.

    Inoltre secondo l’aggiornamento del Weo “i mercati finanziari potrebbero anche segnare repentini riprezzamenti in risposta a sviluppi avversi, mentre ulteriori frammentazioni geopolitiche potrebbero minare i progressi sul versante economico”.

    Per la Germania il Fmi stima una crescita dello 0,1% quest’anno e dell’1,4% il prossimo; sulla Francia dello 0,7% quest’anno e dell’1,6% il prossimo. In Giappone la crescita di quest’anno è attesa all’1,8% mentre sul prossimo è previsto un rallentamento allo 0,9%. Poi c’è il caso della Gran Bretagna, “maglia nera” di fatto e per cui il Fmi ha ulteriormente rivisto in peggio le previsioni sul 2023 a, ora, una recessione dello 0,6%, cui dovrebbe seguire una leggera ripresa dello 0,9% del 2024 che invece in questo caso è stato oggetto di una revisione al rialzo. Il taglio operato sul Regno Unito è il più marcato tra i paesi elencati e il dato complessivo del 2024 è il più debole, perfino della Russia su cui pesano ancora le sanzioni di G7, Usa ed Europa.

    E proprio guardando al caso Russia, il Fmi ha marcatamente rivisto al rialzo le previsioni di crescita, tanto che ora non prevede più una recessione quest’anno, ma una espansione seppur limitata allo 0,3%, dopo un meno 2,2% del 2022 (stima a sua volta rivista in meglio). Sul 2024 è attesa una ripresa della dinamica al più 2,1%. La stima di crescita 2023 della Russia è stata oggetto della più marcata revisione al rialzo nel Weo: 2,6 punti percentuali in più. Peraltro dopo che già le precedenti previsioni erano state oggetto di ridimensionamenti delle attese di recessione. Inoltre sulla Russia il Fmi ha rivisto al rialzo anche le stime sulla crescita del prossimo anno.

    L’istituzione di Washington ha poi rivisto in meglio le previsioni di crescita economica della Cina, al 5,2% quest’anno (0,8 di percentuali in più rispetto ottobre), mentre ha confermato al 4,5% la previsione di crescita 2024. Per l’India, infine, il Fmi ha confermato la previsione di una crescita del 6,1% quest’anno e del 6,8% nel 2024.

    Nella maggior parte delle economie, in cui si è creata una crisi sui rialzi del costo della vita “la priorità resta ottenere una disinflazione sostenuta”, prosegue il rapporto. Dopo l’inasprimento delle condizioni di finanziamento e la frenata della crescita, che rischia di ripercuotersi sul settore finanziario e sulla stabilità dell’indebitamento “è necessario mettere in campo strumenti macro prudenziali e rafforzare gli schemi di ristrutturazione dei debiti”. Ma al tempo stesso le misure di bilancio dovrebbero diventare più mirate mentre la cooperazione multilaterale resta essenziale per affrontare sfide come quelle legate ai cambiamenti climatici, o al rafforzamento degli investimenti sulle tecnologie verdi.

    continua a leggere sul sito di riferimento

    Radio Kiss Kiss Radio Kiss Kiss
    Country: Italy
    Radio Monte Carlo Radio Monte Carlo
    Country: Italy
    Radio Rai 1 Radio Rai 1
    Country: Italy
    Radio Rai 2 Radio Rai 2
    Country: Italy
    Radio Rai 3 Radio Rai 3
    Country: Italy
    RDS RDS
    Country: Italy
    RTL RTL
    Country: Italy

    Altri Articoli

    Lucca Summer Festival: il 4/7 i Generation Sex, prima volta in Italia

    La band di Billy Idol e Tony James con Steve Jones e Paul Cook Roma,...

    L’Archivio storico della Biennale ha acquisito il Fondo Capellini

    Per conservare e valorizzare l’archivio del grande fotografo Milano, 24 mar. (askanews) – L’Archivio Storico...

    Nasce l’Ordine dei Fisioterapisti di Salerno

    Il 25, 26 e 27 marzo si voterà il primo Consiglio Direttivo e del...