More
    HomeMondoNiger, dopo l’accordo per il disarmo c’è il rinserimento sociale

    Niger, dopo l’accordo per il disarmo c’è il rinserimento sociale

    Published on

    Ultimi Articoli

    A Palazzo Farnese la collezione haute couture di Sylvio Giardina

    Presentazione tra arte e moda con un progetto site-specific Roma, 28 gen. (askanews) - Palazzo...

    Medvedev insulta Crosetto, lui replica: “Sciocco a me? Pensi a far finire la guerra”

    ROMA – "Se è ‘sciocco’ aiutare una nazione aggredita a difendere la sua esistenza,...

    VIDEO | Gas, Eni firma con Noc un accordo da 8 miliardi in Libia, Meloni: “Passaggio storico”

    ROMA – L’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, e l’amministratore delegato della National Oil...

    Crisi agenzia Dire, sospeso lo sciopero delle firme dopo il pagamento degli stipendi

    ROMA – Il Cdr dell’Agenzia di stampa Dire, apprezzando l’impegno mostrato dall’Azienda nel regolarizzare...

    (Foto credits Profilo Twitter Mohamed Bazoum @mohamedbazoum)

    ROMA – Decine di appartenenti a bande irregolari hanno consegnato le armi e si sono impegnati a rinunciare alla violenza nel corso di una cerimonia nel sud-ovest del Niger. La notizia, rilanciata da fonti concordanti, è stata diffusa in coincidenza con una visita in Francia del presidente Mohamed Bazoum.

    CERIMONIA PER ALMENO 86 PERSONE

    Secondo le informazioni disponibili, a deporre le armi sono state almeno 86 persone, ritenute coinvolte in sequestri o attività di contrabbando trasfrontaliero. Per loro, dopo la cerimonia, che si è tenuta nella località di Bangui, nella regione di Tahoua, si aprirebbe ora la possibilità di un programma di reinserimento sociale coordinato dal governo nazionale.
    Delle prospettive del Niger, cuore geografico della regione del Sahel, si è discusso nei giorni scorsi anche a Parigi. Uno degli appuntamenti ha riguardato il Plan de Developpement Économique et Social (Pdes) per il periodo 2022-2026. Secondo la segretaria di Stato Chrysoula Zacharopoulou, che a Parigi ha incontrato Bazoum, “la Francia garantisce il proprio appoggio alle priorità del Niger, in particolare rispetto all’istruzione e allo sviluppo agricolo”.

    STRATEGIA CONTRO L’INSICUREZZA

    La strategia del governo di Niamey è articolata sia su una risposta militare all’insicurezza che su trattative. Nel Paese operano anche bande e formazioni armate con affiliazioni o legami con gruppi come Boko Haram, Al Qaida e Stato islamico.

    Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it continua a leggere sul sito di riferimento

    Radio Kiss Kiss Radio Kiss Kiss
    Country: Italy
    Radio Monte Carlo Radio Monte Carlo
    Country: Italy
    Radio Rai 1 Radio Rai 1
    Country: Italy
    Radio Rai 2 Radio Rai 2
    Country: Italy
    Radio Rai 3 Radio Rai 3
    Country: Italy
    RDS RDS
    Country: Italy
    RTL RTL
    Country: Italy

    Altri Articoli

    A Palazzo Farnese la collezione haute couture di Sylvio Giardina

    Presentazione tra arte e moda con un progetto site-specific Roma, 28 gen. (askanews) - Palazzo...

    Medvedev insulta Crosetto, lui replica: “Sciocco a me? Pensi a far finire la guerra”

    ROMA – "Se è ‘sciocco’ aiutare una nazione aggredita a difendere la sua esistenza,...

    VIDEO | Gas, Eni firma con Noc un accordo da 8 miliardi in Libia, Meloni: “Passaggio storico”

    ROMA – L’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, e l’amministratore delegato della National Oil...