More
    HomePoliticaLandini vede Conte: “Assurde le norme su contante e Pos, cambiare la...

    Landini vede Conte: “Assurde le norme su contante e Pos, cambiare la Manovra”

    Published on

    Ultimi Articoli

    Dentro Arte Fiera: tra design di recupero e maestri del Novecento

    Incontro con l'architetto Cucinella e la galleria Mazzoleni Bologna, 2 feb. (askanews) - Sostenibilità e...

    Don Davide Banzato: Un Mondo non umano. Un perdono che sembra ingiusto

    Riflessione del sacerdote di Nuovi Orizzonti: Dalla morte di Thomas ad Alatri alle atroci...

    Cospito, Meloni: 41 bis non dipende da me ma lo Stato non tratta

    "Cospito già graziato nel 1991, poi è andato a sparare..." Milano, 2 feb. (askanews) -...

    Nissan Futures: dal 4 febbraio all’1 marzo il futuro della mobilità

    Presentato Max-Out, concept cabrio 100% elettrico Milano, 2 feb. (askanews) - Dal 4 febbraio al...

    ROMA – La Manovra del Governo va cambiata. In particolare “chiediamo che tutte le misure assurde sull’innalzamento del contante e sui pos siano ritirate e cancellate”. Lo afferma il segretario della Cgil Maurizio Landini al termine dell’incontro con il leader del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte. Per il sindacalista poi è “un errore il superamento del reddito di cittadinanza, così è un mondo alla rovescia”.

    LEGGI ANCHE: Meloni: “Il reddito di cittadinanza non può essere un vitalizio. Il Governo durerà a lungo”

    IL TOUR DELLA CGIL TRA I PARTITI

    La Cgil sta incontrando tutti i partiti in vista dell’iter parlamentare della legge di bilancio. “Noi non ci rivolgiamo ad una sola parte politica, il nostro ragionamento è stato fatto a tutte le forze politiche che devono dare una risposta“, spiega.

    Infine sul fronte della mobilitazione decisa insieme alla Uil, Landini sottolinea che “dal 12 al 16 dicembre organizzeremo manifestazioni e scioperi per dire in modo chiaro che il Paese chiede a questo Governo e al Parlamento di fare delle riforme di cui tutto il Paese ha bisogno”.

    LEGGI ANCHE: Conte lancia il tour per difendere il reddito di cittadinanza: prima tappa a Scampia

    CONTE: “GOVERNO SI INCHINA AI POTERI FORTI UE”

    Per Conte, l’esecutivo Meloni “è un Governo forte con i poveri e con il ceto medio. Ieri Crosetto ha dovuto ammettere che questa Manovra penalizza anche il ceto medio, che viene ulteriormente impoverito, mentre in Europa si inchina ai poteri forti”. Il leader pentastellato aggiunge: “Siamo passati da Draghi che non è riuscito a scrivere una norma decente sugli extraprofitti da cui voleva ricavare 10 miliardi che non sono mai arrivati e qui invece abbiamo un Governo che ridenomina quella norma come contributo straordinario di solidarietà e vuole ricavarne solo 2 miliardi e mezzo“.

    L’ex premier torna poi ancora una volta sulla battaglia per il reddito di cittadinanza, misura bandiera del M5S: “Il Governo cancella il reddito di cittadinanza per introdurre l’evasione di cittadinanza, vengono premiati i cittadini che girano con 5.000 euro di contante e questo è fortemente recessivo per il Paese”, conclude Conte.

    Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it continua a leggere sul sito di riferimento

    Radio Kiss Kiss Radio Kiss Kiss
    Country: Italy
    Radio Monte Carlo Radio Monte Carlo
    Country: Italy
    Radio Rai 1 Radio Rai 1
    Country: Italy
    Radio Rai 2 Radio Rai 2
    Country: Italy
    Radio Rai 3 Radio Rai 3
    Country: Italy
    RDS RDS
    Country: Italy
    RTL RTL
    Country: Italy

    Altri Articoli

    Dentro Arte Fiera: tra design di recupero e maestri del Novecento

    Incontro con l'architetto Cucinella e la galleria Mazzoleni Bologna, 2 feb. (askanews) - Sostenibilità e...

    Don Davide Banzato: Un Mondo non umano. Un perdono che sembra ingiusto

    Riflessione del sacerdote di Nuovi Orizzonti: Dalla morte di Thomas ad Alatri alle atroci...

    Cospito, Meloni: 41 bis non dipende da me ma lo Stato non tratta

    "Cospito già graziato nel 1991, poi è andato a sparare..." Milano, 2 feb. (askanews) -...