More
    HomeLavoroFortuna (Unicusano): “Bene dato degli occupati, ma ancora troppe differenze di genere”

    Fortuna (Unicusano): “Bene dato degli occupati, ma ancora troppe differenze di genere”

    Published on

    Ultimi Articoli

    A Palazzo Farnese la collezione haute couture di Sylvio Giardina

    Presentazione tra arte e moda con un progetto site-specific Roma, 28 gen. (askanews) - Palazzo...

    Medvedev insulta Crosetto, lui replica: “Sciocco a me? Pensi a far finire la guerra”

    ROMA – "Se è ‘sciocco’ aiutare una nazione aggredita a difendere la sua esistenza,...

    VIDEO | Gas, Eni firma con Noc un accordo da 8 miliardi in Libia, Meloni: “Passaggio storico”

    ROMA – L’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, e l’amministratore delegato della National Oil...

    Crisi agenzia Dire, sospeso lo sciopero delle firme dopo il pagamento degli stipendi

    ROMA – Il Cdr dell’Agenzia di stampa Dire, apprezzando l’impegno mostrato dall’Azienda nel regolarizzare...

    ROMA – “Sono dati che mostrano un miglioramento. Tutti i dati sono positivi, a partire dal numero degli occupati, che rimane al di sotto della media europea, però è il massimo storico dal 1977. Un dato che naturalmente mostra al suo interno delle differenze di genere, perché gli uomini occupati sono il 69,5%, mentre le donne occupate il 51,4%, quindi c’è sempre un differenziale per quanto riguarda uomini/donne. La parità di genere purtroppo non c’è, nonostante le leggi in vigore”. Così Fabio Fortuna, economista e magnifico rettore dell’Unicusano, intervenuto su Radio Cusano Campus riguardo ai dati Istat sull’occupazione.

    “Questo l’ho sottolineato anche ieri, intervenendo all’Abruzzo economy summit- ha aggiunto- Bisogna creare dei meccanismi che garantiscano alle donne equità di trattamento, anche di fronte ad aspetti che le riguardano più strettamente, come ad esempio la maternità. Questo potrebbe contribuire in modo decisivo per quanto riguarda il miglioramento della situazione italiana. Ci sono studi che dicono che il pil potrebbe crescere in modo considerevole se la potenzialità delle donne fosse valorizzata. Allora perché non farlo e ancora ostacolare questi processi?”.

    Poi sul Pil italiano, Fortuna ha spiegato: “Il Pil del terzo trimestre in Italia, anziché essere negativo come molti organismi avevano previsto, si è incrementato dello 0,5%. Questo dato è importante. Noi italiani abbiamo dimostrato una capacità di ripresa incredibile dopo la pandemia. Se non fosse scoppiata la guerra, noi in Europa saremmo stati i primi o i secondi come capacità di reazione e come incremento di attività produttiva. E anche nel terzo trimestre abbiamo registrato una ripresa che ci consentirà di chiudere il 2022 con una crescita di Pil del 3,7% secondo l’Ocse: il dato migliore tra le economie più importanti. In questa difficoltà globale- ha concluso- l’Italia non sta facendo male, è importante dirlo”.

    Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it continua a leggere sul sito di riferimento

    Radio Kiss Kiss Radio Kiss Kiss
    Country: Italy
    Radio Monte Carlo Radio Monte Carlo
    Country: Italy
    Radio Rai 1 Radio Rai 1
    Country: Italy
    Radio Rai 2 Radio Rai 2
    Country: Italy
    Radio Rai 3 Radio Rai 3
    Country: Italy
    RDS RDS
    Country: Italy
    RTL RTL
    Country: Italy

    Altri Articoli

    A Palazzo Farnese la collezione haute couture di Sylvio Giardina

    Presentazione tra arte e moda con un progetto site-specific Roma, 28 gen. (askanews) - Palazzo...

    Medvedev insulta Crosetto, lui replica: “Sciocco a me? Pensi a far finire la guerra”

    ROMA – "Se è ‘sciocco’ aiutare una nazione aggredita a difendere la sua esistenza,...

    VIDEO | Gas, Eni firma con Noc un accordo da 8 miliardi in Libia, Meloni: “Passaggio storico”

    ROMA – L’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, e l’amministratore delegato della National Oil...