More
    HomeMondoLe storie degli attivisti uccisi rivivono con l’hashtag #IranUsa

    Le storie degli attivisti uccisi rivivono con l’hashtag #IranUsa

    Published on

    Ultimi Articoli

    Attentato in una sinagoga a Gerusalemme: almeno 7 morti. Hamas: “Reazione al raid israeliano a Jenin”

    ROMA – Attentato in una sinagoga a Gerusalemme est. Un giovane palestinese armato di...

    Disgelo Italia-Francia, impegno comune per sostegno a Ucraina

    Crosetto ha incontrato il ministro della Difesa francese Lecornu: "sintonia perfetta e cooperazione forte" Roma,...

    VIDEO | Olocausto, la Chiesa valdese: “I cristiani lo hanno lasciato ‘succedere’”

    TRIESTE – "Noi ricordiamo i ‘giusti’ quelli che hanno salvato gli ebrei entro un...

    ##Regionali Lombardia, sipario sui sondaggi a 15 giorni dal voto

    Fontana prudente, Majorino vede rincorsa, Moratti corteggia indecisi Milano, 27 gen. (askanews) - A 15...

    ROMA – Sarah Rezaei, studentessa afghana dell’università di Teheran scomparsa lo scorso 26 ottobre, che preoccupa anche perchè ha problemi cardiaci. O Amin Marefat, giovanissimo, nato nel 2006 o nel 2008, che “non è più fra noi” perchè ucciso durante le manifestazioni nella regione del Kurdistan. Nomi, volti e storie rilanciate sui social media in occasione della partita dei Mondiali di calcio fra Iran e Stati Uniti usando proprio uno degli hashtag del match, #IranUsa, spesso insieme a #Qatar2022.

    “DITE I LORO NOMI”

    Succede su Twitter, dove la società civile iraniana ha deciso di approfittare della visibilità della partita, persa per uno a zero dall’Iran, per far sentire la propria voce e chiedere a tutti di “dire i nomi” – #saytheirname infatti, è un altro degli hashtag più usati oggi – delle persone che hanno perso la vita o che sono scomparse nella mobilitazione contro il governo scoppiata a settembre. Le proteste sono iniziate dopo la morte in custodia della polizia morale di una giovane, Mahsa Amini, arrestata con l’accusa di non indossare il velo in modo conforme alla legge della Repubblica islamica. Secondo le Nazioni Unite, fino alla settimana scorsa già 40 persone avevano perso la vita in disordini legati alla mobilitazione.

    L’ARRESTO E POI PIU’ NULLA

    I post che condividono le foto delle vittime della violenza sono decine e non è possibile verificare l’attendibilità di ogni messaggio o di ogni profilo che le rilancia. Della scomparsa di Marefat però, ad esempio, ha dato notizia a fine settembre l’ong Kurdistan Human Rights Network, di base in Francia e attiva da diversi anni.
    Appelli per la ricerca di Rezaei sono stati invece pubblicati ancora due giorni fa dall’emittente della diaspora Radio Farda, parte del più ampio progetto Radio Free Europe. La studentessa è scomparsa a ottobre. La famiglia ha riferito di aver ricevuto notizia di un suo arresto e poi più nulla.

    Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it continua a leggere sul sito di riferimento

    Radio Kiss Kiss Radio Kiss Kiss
    Country: Italy
    Radio Monte Carlo Radio Monte Carlo
    Country: Italy
    Radio Rai 1 Radio Rai 1
    Country: Italy
    Radio Rai 2 Radio Rai 2
    Country: Italy
    Radio Rai 3 Radio Rai 3
    Country: Italy
    RDS RDS
    Country: Italy
    RTL RTL
    Country: Italy

    Altri Articoli

    Attentato in una sinagoga a Gerusalemme: almeno 7 morti. Hamas: “Reazione al raid israeliano a Jenin”

    ROMA – Attentato in una sinagoga a Gerusalemme est. Un giovane palestinese armato di...

    Disgelo Italia-Francia, impegno comune per sostegno a Ucraina

    Crosetto ha incontrato il ministro della Difesa francese Lecornu: "sintonia perfetta e cooperazione forte" Roma,...

    VIDEO | Olocausto, la Chiesa valdese: “I cristiani lo hanno lasciato ‘succedere’”

    TRIESTE – "Noi ricordiamo i ‘giusti’ quelli che hanno salvato gli ebrei entro un...