More
    HomeMondoGli Iraniani festeggiano la sconfitta contro gli Usa, ucciso un uomo

    Gli Iraniani festeggiano la sconfitta contro gli Usa, ucciso un uomo

    Published on

    Ultimi Articoli

    Dentro Arte Fiera: tra design di recupero e maestri del Novecento

    Incontro con l'architetto Cucinella e la galleria Mazzoleni Bologna, 2 feb. (askanews) - Sostenibilità e...

    Don Davide Banzato: Un Mondo non umano. Un perdono che sembra ingiusto

    Riflessione del sacerdote di Nuovi Orizzonti: Dalla morte di Thomas ad Alatri alle atroci...

    Cospito, Meloni: 41 bis non dipende da me ma lo Stato non tratta

    "Cospito già graziato nel 1991, poi è andato a sparare..." Milano, 2 feb. (askanews) -...

    Nissan Futures: dal 4 febbraio all’1 marzo il futuro della mobilità

    Presentato Max-Out, concept cabrio 100% elettrico Milano, 2 feb. (askanews) - Dal 4 febbraio al...

    ROMA – La festa per la sconfitta. La festa per la vittoria degli (ex) acerrimi rivali. Tutte le contraddizioni dell’Iran in una partita dei Mondiali. La protesta ha ribaltato il senso dei tradizionali “caroselli”: dopo la vittoria degli Stati Uniti sull’Iran, gli iraniani sono scesi nelle piazze e per le strade di Teheran, Sanandaj, Marivan e Saqqez, la città natale di Mahsa Amini. Il giornalista iraniano Masih Alinejad ha postato su Twitter i video dei festeggiamenti: “L’Iran è un Paese in cui le persone sono molto appassionate di calcio. Ora sono nelle strade della città di Sanandaj e festeggiano la sconfitta della loro squadra di calcio contro gli Stati Uniti”, ha scritto.

    LEGGI ANCHE: Le storie degli attivisti uccisi rivivono con l’hashtag #IranUsa

    La contesa sportiva tra Iran e USA, Paesi che hanno troncato i rapporti diplomatici più di 40 anni fa, è stata per giorni molto più di una semplice partita di pallone. E così è stata vissuta dagli iraniani che da settimane protestano contro il regime violento, dopo la morte della giovane donna curda Mahsa Amini, il 16 settembre scorso.

    LEGGI ANCHE: Per la fascia ‘arcobaleno’ della ministra Faeser, è quasi crisi commerciale tra Qatar e Germania

    Gli iraniani hanno festeggiato anche a Marivan, tra le città curde dell’Iran occidentale dove, il 21 novembre, le forze di sicurezza hanno intensificato una repressione che ha ucciso una dozzina di persone in 24 ore, sparando direttamente ai manifestanti con armi pesanti. Secondo la stampa iraniana nel corso dei festeggiamenti di protesta a Anzali, nel nord dell’Iran, sarebbe stato ucciso un uomo dalle forze di sicurezza del regime.

    Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it continua a leggere sul sito di riferimento

    Radio Kiss Kiss Radio Kiss Kiss
    Country: Italy
    Radio Monte Carlo Radio Monte Carlo
    Country: Italy
    Radio Rai 1 Radio Rai 1
    Country: Italy
    Radio Rai 2 Radio Rai 2
    Country: Italy
    Radio Rai 3 Radio Rai 3
    Country: Italy
    RDS RDS
    Country: Italy
    RTL RTL
    Country: Italy

    Altri Articoli

    Dentro Arte Fiera: tra design di recupero e maestri del Novecento

    Incontro con l'architetto Cucinella e la galleria Mazzoleni Bologna, 2 feb. (askanews) - Sostenibilità e...

    Don Davide Banzato: Un Mondo non umano. Un perdono che sembra ingiusto

    Riflessione del sacerdote di Nuovi Orizzonti: Dalla morte di Thomas ad Alatri alle atroci...

    Cospito, Meloni: 41 bis non dipende da me ma lo Stato non tratta

    "Cospito già graziato nel 1991, poi è andato a sparare..." Milano, 2 feb. (askanews) -...