More
    HomePoliticaBonaccini: “Mi candido alla segreteria del Pd. Non lasciamo la sinistra al...

    Bonaccini: “Mi candido alla segreteria del Pd. Non lasciamo la sinistra al M5S”

    Published on

    Ultimi Articoli

    A Palazzo Farnese la collezione haute couture di Sylvio Giardina

    Presentazione tra arte e moda con un progetto site-specific Roma, 28 gen. (askanews) - Palazzo...

    Medvedev insulta Crosetto, lui replica: “Sciocco a me? Pensi a far finire la guerra”

    ROMA – "Se è ‘sciocco’ aiutare una nazione aggredita a difendere la sua esistenza,...

    VIDEO | Gas, Eni firma con Noc un accordo da 8 miliardi in Libia, Meloni: “Passaggio storico”

    ROMA – L’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, e l’amministratore delegato della National Oil...

    Crisi agenzia Dire, sospeso lo sciopero delle firme dopo il pagamento degli stipendi

    ROMA – Il Cdr dell’Agenzia di stampa Dire, apprezzando l’impegno mostrato dall’Azienda nel regolarizzare...

    ROMA – “Ho deciso di candidarmi alla segreteria del Partito democratico. È il momento di esserci, di impegnarsi, di partecipare“. Così il presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, intervenendo al circolo dem di Campogalliano e in diretta Facebook, ha ufficializzato la sua corsa alla guida del Pd.

    LEGGI ANCHE: All’assemblea Pd processo ai capicorrente che disertano i lavori. Le regole del congresso

    BONACCINI: “PD NECESSARIO, RESTO GOVERNATORE EMILIA-ROMAGNA”

    “Il Pd è necessario per la stessa qualità democratica del Paese – aggiunge il governatore -, rappresentando ideali e valori alternativi alle posizioni più conservatrici e alle derive populiste o sovraniste che abbiamo visto scorrazzare non solo qui ma anche in Europa e in tutto il mondo occidentale”. Bonaccini rassicura comunque il suo territorio: “Continuerò a fare il presidente della Regione Emilia-Romagna, perché con gli emiliano-romagnoli ho un patto di fiducia preso all’inizio del 2020 e intendo onorarlo fino in fondo”.

    “Avverto il peso e la responsabilità di questa scelta – continua Bonaccini -, una traversata per un nuovo partito, capace di battere la destra ma nelle urne alle prossime elezioni. Voglio riportare il Pd al governo ma perché abbiamo vinto, dopo cinque anni di opposizione. La sinistra non nasce per amministrare l’esistente ma per rendere il mondo un mondo migliore“, insiste Bonaccini prima di elencare i valori su cui vuole rifondare il partito.

    LEGGI ANCHE: Letta lancia l’orgoglio Pd: “Noi aggrediti da altre opposizioni”. Primarie il 19 febbraio

    I VALORI DEL PD DI BONACCINI

    Uguaglianza, giustizia sociale, equità, solidarietà: sono questi i valori più profondi che definiscono la nostra identità”. Il governatore dell’Emilia Romagna elenca uno per uno i contenuti con cui vuole rifondare il partito. “Per noi – spiega – davanti al bisogno di cura non ci sono ricco o povero e ciascuno ha diritto alla miglior prestazione sanitaria disponibile a prescindere dal proprio reddito. Per questo per noi la sanità è anzitutto pubblica e universalistica, non per ragioni ideologiche”.

    Bonaccini prosegue: “E così per la scuola che deve tornare ad essere quell’ascensore sociale che offre a tutte le ragazze e ai ragazzi, a prescindere dalla famiglia di provenienza, le stesse opportunità. So che nei servizi dell’infanzia ci sono liste d’attesa e bambini che restano fuori, con mamme che devono lasciare il lavoro. So che abbiamo un livello troppo alto di dispersione scolastica perché mancano servizi mentre le nostre imprese chiedono più giovani formati. È una bella contraddizione… Io credo che la sinistra esista proprio per superare queste contraddizioni”.

    “E ancora – aggiunge il neo-candidato alla segreteria del Pd – libertà e diritti, accompagnati sempre da altrettanti doveri: perché la cittadinanza per noi è responsabilità e la libertà vive nella legalità. Siamo la sinistra dell’emancipazione e dell’inclusione, della liberazione delle donne e della pienezza dei loro diritti, e la sinistra dell’accoglienza. A differenza di questa destra noi difendiamo il diritto di ciascuna persona di essere rispettata e riconosciuta per la propria identità. E rifiutiamo l’idea che sia lo Stato a poter stabilire come le persone debbano nascere, vivere, amare, morire“.

    Infine, “siamo la sinistra dei lavori, dell’ambiente e della lotta al cambiamento climatico. E il nostro compito, in questo tempo, è fare in modo che lavoro, impresa e ambiente si tengano insieme e insieme possano crescere. Definire e saper comunicare la propria identità è essenziale, altrimenti le persone non ti riconoscono. E la sinistra, per come la intendiamo noi, non vive nelle idee astratte di convegni, ma nelle battaglie delle persone in carne ed ossa pronte a lavorare insieme per obiettivi comuni. Stando dove la gente vive, studia, lavora”, conclude Bonaccini.

    LEGGI ANCHE: E all’assemblea nazionale del Pd spuntò l’uomo nero

    BONACCINI: “È IN GIOCO LA VITA DEL PD”

    “In gioco per la prima volta da quando è nato c’è la vita stessa del nostro partito, e non la mia candidatura o il mio destino personale”, avverte Bonaccini. E “sentire evocare lo scioglimento del Pd, mettere in discussione le ragioni per cui il Partito democratico lo abbiano fondato, mi colpisce nel profondo. Non accetto che noi si resti paralizzati sotto i colpi della destra, di questa destra, che governa, o delle altre opposizioni che tentano di dilaniarci. Questo no, a me non sta bene. Lo dico per me, per noi, per la nostra storia. Se permettete, cosa vogliamo o dobbiamo fare lo decidiamo noi“.

    BONACCINI: “NON DELEGHIAMO AI 5 STELLE DI RAPPRESENTARE LA SINISTRA”

    “Ho il massimo rispetto per le altre forze di opposizione – premette Bonaccini – ma non deleghiamo ai 5 Stelle di rappresentare la sinistra, così come al Terzo polo di rappresentare i moderati: il Pd nasce come partito di centrosinistra e questo spazio adesso ce lo andiamo a riprendere noi. Siamo all’opposizione e dobbiamo tornare ad essere un partito da combattimento, capace di fare battaglie in Parlamento e nella società, con l’obiettivo di strappare voti anche agli avversari e di far tornare alla politica parte dei troppi che si sono astenuti”.

    BONACCINI: “LE CORRENTI NON FUNZIONANO”

    Da Bonaccini arriva anche una stoccata alle correnti dem: “Non chiederò a nessuna corrente di sostenermi né accetterò il sostegno di qualsivoglia corrente. Io non mi sono mai iscritto ad una corrente e lo voglio dire ai più giovani: si vive benissimo lo stesso, direi anche meglio“. È uno dei punti centrali del discorso di Stefano Bonaccini nel presentare la sua candidatura alla segreteria del Pd.

    Il presidente dell’Emilia Romagna evoca un ritorno “all’antico: non possiamo più permetterci di selezionare le classi dirigenti attraverso le correnti. Né di organizzare il partito stesso e il suo funzionamento attraverso le correnti. Né di fare le candidature per correnti. Semplicemente continua a leggere sul sito di riferimento

    Radio Kiss Kiss Radio Kiss Kiss
    Country: Italy
    Radio Monte Carlo Radio Monte Carlo
    Country: Italy
    Radio Rai 1 Radio Rai 1
    Country: Italy
    Radio Rai 2 Radio Rai 2
    Country: Italy
    Radio Rai 3 Radio Rai 3
    Country: Italy
    RDS RDS
    Country: Italy
    RTL RTL
    Country: Italy

    Altri Articoli

    A Palazzo Farnese la collezione haute couture di Sylvio Giardina

    Presentazione tra arte e moda con un progetto site-specific Roma, 28 gen. (askanews) - Palazzo...

    Medvedev insulta Crosetto, lui replica: “Sciocco a me? Pensi a far finire la guerra”

    ROMA – "Se è ‘sciocco’ aiutare una nazione aggredita a difendere la sua esistenza,...

    VIDEO | Gas, Eni firma con Noc un accordo da 8 miliardi in Libia, Meloni: “Passaggio storico”

    ROMA – L’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, e l’amministratore delegato della National Oil...