More
    HomePoliticaDe Luca teme il ‘Porcellum’ dell’autonomia. Scontro tra le Regioni

    De Luca teme il ‘Porcellum’ dell’autonomia. Scontro tra le Regioni

    Published on

    Ultimi Articoli

    Oggi è il Giorno della Marmotta: dalle previsioni di Phil al film con Bill Murray, fatti e curiosità

    ROMA – Quando finirà l’inverno? Per rispondere a questa domanda, gli USA si affidano...

    Tim: offerta non vincolante da Kkr per la rete. Governo segue sviluppi

    Oggi riunione del cda per avviare l'esame della propostaMilano, 2 feb. (askanews) - Tim ha...

    Lo street artist IABO in mostra al PAN

    La mostra IABO 20th. Mostra Antologica 2003/2023. Street art/Dipinti/Installazioni/Video, è stata inaugurata il 27...

    Le prime pagine dei quotidiani di Giovedì 2 Febbraio 2023

    RIPRODUZIONE RISERVATA Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare...

    ROMA – E’ scontro tra Regioni sull’autonomia. Ad accendere la miccia della polemica sul percorso che dovrebbe affidare alle Regioni alcune importanti competenze è stato ieri il presidente campano Vincenzo De Luca. Il governatore chiede il ritiro della bozza Calderoli che “condanna a morte il Sud”, ma oggi nella Conferenza delle regioni dedicata ad un primo esame del progetto non si presenta. Al suo posto manda il vice Fulvio Bonavitacola. In via Parigi va in scena una doppia spaccatura, quella tra Nord e Sud e quella tra fronti politici. Tutti comunque ad assicurare che “nessuno è contro l’autonomia” che il governo Meloni, o meglio il Carroccio, vorrebbe portarla a casa entro un anno.

    I governatori del centrodestra difendono il progetto leghista. Per il presidente della Liguria Giovanni Toti cerca di spegnere le polemiche: per lui le obiezioni di De Luca non sono una novità e l’autonomia è una “gigantesca opportunità”. Luca Zaia (Veneto) osserva che “l’autonomia non toglie nulla a nessuno”.

    Per i governatori di centrosinistra Michele Emiliano e Stefano Bonaccini si può procedere ma alzano una serie di paletti per evitare che l’autonomia porti a una babele dei diritti. Per il presidente della Puglia poi c’è una questione di fiducia nel nuovo governo: “Questa storia – ricorda – è iniziata con la secessione, poi è arrivato il federalismo e ora c’è l’autonomia, non ci fidiamo…”. Il presidente emiliano-romagnolo, che guida una regione che fa parte del gruppo di testa delle regioni che hanno avviato la procedura, elenca una serie di condizioni, tra cui una legge quadro “che definisca tempi, modi e cornici”. Poi, dice, “bisogna definire i livelli essenziali di prestazione”. Detto ciò chiarisce, “nessuno è contro l’autonomia”.

    Chiude il ministro Roberto Calderoli che non vede una spaccatura Nord-Sud ma una paura ingiustificata delle Regioni del Sud che temono che “qualcuno se ne avvantaggi a svantaggio loro. Mi auguro che tutti possano trarre un vantaggio da questa riforma”, conclude il leghista.

    continua a leggere sul sito di riferimento

    Radio Kiss Kiss Radio Kiss Kiss
    Country: Italy
    Radio Monte Carlo Radio Monte Carlo
    Country: Italy
    Radio Rai 1 Radio Rai 1
    Country: Italy
    Radio Rai 2 Radio Rai 2
    Country: Italy
    Radio Rai 3 Radio Rai 3
    Country: Italy
    RDS RDS
    Country: Italy
    RTL RTL
    Country: Italy

    Altri Articoli

    Oggi è il Giorno della Marmotta: dalle previsioni di Phil al film con Bill Murray, fatti e curiosità

    ROMA – Quando finirà l’inverno? Per rispondere a questa domanda, gli USA si affidano...

    Tim: offerta non vincolante da Kkr per la rete. Governo segue sviluppi

    Oggi riunione del cda per avviare l'esame della propostaMilano, 2 feb. (askanews) - Tim ha...

    Lo street artist IABO in mostra al PAN

    La mostra IABO 20th. Mostra Antologica 2003/2023. Street art/Dipinti/Installazioni/Video, è stata inaugurata il 27...